Navigazione: 23novembre

Cina: primo produttore mondiale di cannabis, ma restano tanti segreti Rassegna Stampa della canapa nelle testate estere, dal 19 al 23 novembre
di

a Cina ormai primeggia in un settore dove -in realtà- vi è una antica tradizione, cioè la produzione di canapa. Si tratta di un primato mondiale dove la Cina ha acquisito posizioni di vero e proprio strapotere in ambito commerciale. Oggi, però, si riflette su quanta parte di questa produzione veicoli con sé numerosi segreti sui quali le Autorità cinesi mantengono uno stretto riserbo

Diffusione di internet, l’Italia fanalino di coda in Europa Sia a livello della popolazione, sia a livello delle aziende, l’uso dei pc o di Internet resta decisamente più contenuto di quanto non avvenga nella media dei Paesi partner
di

Se ci fermiamo per un istante e ragioniamo sul ruolo che ha assunto internet nella nostra società ci rendiamo conto di quanto la rete sia ormai fondamentale per qualsiasi tipo di attività, addirittura nell’inviare ormai un fax. Eppure, nonostante questo, ci sono ancora problemi nella diffusione di internet nel nostro Paese

Questa nuova Libia si deve fare e si farà! Alle pressanti questioni politiche sono sottese importanti decisioni in merito alla sicurezza del Paese
di

Ad oggi non si trova ancora una definizione più calzante per descrivere la situazione del Paese, la cui urgenza più impellente rimane un accordo che soddisfi sia il Governo riconosciuto di Tripoli che quello di Tobruk e che, dunque , conduca le parti verso la formazione di un Governo condiviso e stabile.

Il Canada è ancora il ’Paese dalla porta aperta‘? Il sistema canadese basato sull’accoglienza ‘ospita’ gli immigrati in veri e propri centri di detenzione.
di

Il Canada ha sviluppato un sistema basato sull’accoglienza, in contrapposizione al Travel Ban, imposto da Donald Trump negli Stati Uniti o alle numerose politiche protezionistiche Australiane. Per anni ha dato di sé l’immagine di Paese ‘modello’ in tema di apertura nei confronti degli immigrati. Ma è un’ immagine ancora valida?

L’Italia e la Cooperazione territoriale europea. Una questione di ‘senso’ Riduzione delle diseguaglianze, competitività regionale, sinergie locali di respiro europeo. Intervista a Lodovico Gherardi, coordinatore dell’Autorità di Gestione del Programma ADRION e docente presso l’Università del Piemonte Orientale
di

Insieme agli investimenti a favore della crescita e dell’occupazione, la Cooperazione Territoriale Europea (CTE) è un obiettivo prioritario della Politica di Coesione: principale politica di investimento dell’Unione, essa mira, a sua volta, a ridurre le disparità economiche e sociali esistenti nella geografia del Continente.