lunedì, Settembre 27

Tace l’anima di Napoli, Pino Daniele

0

Un testo asettico, di maniera, sarebbe cominciato così: «Dopo Mango, il mondo della musica italiana (e non solo) perde un’altra voce straordinaria. E’ morto per un infarto ad appena 59 anni, Pino Daniele, cantore del Neapolitan Blues. Soffriva di cuore da tempo, tant’è che gli erano stati anche installati dei by pass».

Ma io sono una controcorrente e ho orrore di queste formule stereotipate. Anche perché sono minimizzanti, omologanti e Pino Daniele una simile cattiveria non se la meritava proprio.

Lui mi è sempre apparso come un simbolo, quello del sensore dell’anima di un popolo. Il testo del suo ‘Je so’ pazzo’ ha una liricità, al di là del ritmo, che l’accosta ad una poesia di Eduardo De Filippo Je vulesse truvà pace’: entrambi fanno outing di un rovello interiore che portano nel DNA, avendolo direttamente succhiato da una città ‘speciale’, Napoli, che non ha eguali al mondo.

La Partenope greca e romana ha cominciato fin dai suoi primordi un paziente lavoro d’intreccio di culture: bizantina col Ducato, normanna, sveva, angioina, aragonese, spagnola, brevemente austriaca, borbonica, col tocco francese murattiano, fino al ritorno della stirpe dei Borboni e all’Unità d’Italia. Nel Settecento, con Parigi, fu autorevole capitale europea ed oggi nuota nella monnezza ma non rinnega, come una nobile decaduta, le sue origini aristocratiche.

Di ponti culturali ce ne sono a iosa e Pino Daniele ne aveva aggiunto un altro, innervando il temperamento dei vicoli con il transoceanico blues, perché anch’esso era il canto di un popolo che ne aveva visto di tutti i colori, i neri d’America.

La mia patologica insonnia mi ha messo di fronte alla brutta notizia della sua morte fin dalle 5:00 di stamattina… non mi pareva vero, tant’è che, alle 6:30, ad un Collega, in chat, ho scritto: «Magari è una bufala». Ma lui mi ha confermato la veridicità della ferale news. Ho trascorso il tempo prima che si facesse un’ora decente per alzarsi a rimuginare sulle sue canzoni, sui sentimenti e le emozioni che Pino esprimeva in quei testi così pregnanti, a cominciare da ‘Napul’è’ che, a mio avviso, se la città dovesse adottare un suo particolare inno, avrebbe tutti i numeri per diventarlo.

Il ritmato musicale delle sue composizioni è sempre stato avvincente, ma sono le parole quelle che arrivano direttamente al cuore. Mi rotolava nella mente la citazione di Menandro: ‘Muore giovane chi è caro agli Dei’.

Mi ha trovata tante volte d’accordo, cosicché mi convinco che, me compresa, i sopravvissuti sono proprio i peggiori, quelli che gli Dei (Dio) non chiama a sé affinché espiino in questa diabolica vita l’essere dei pessimi soggetti.

Dunque, Pino Daniele, poeta e cantore del cuore di Napoli -un cuore come il suo, lesionato, che perde colpi, anche se una città non può avere un infarto, pur potendo collassare (com’è infatti collassata ripetutamente)- non c’è più.

Ci mancherà il suo canto. Per tenerci compagnia, potremmo rileggere i testi delle due canzoni che ho citato e che porto nel cuore come una dichiarazione di appartenenza ad un popolo: Civis Neapolitanus sum.

 

JE SO’ PAZZO

Pino Daniele

Je so’ pazzo je so’ pazzo
e vogl’essere chi vogl’io
ascite fora d’a casa mia
je so’ pazzo je so’ pazzo
ci ho il popolo che mi aspetta
e scusate vado di fretta
non mi date sempre ragione
io lo so che sono un errore
nella vita voglio vivere
almeno un giorno da leone
e lo Stato questa volta
non mi deve condannare
pecché so’ pazzo
je so’ pazzo
ed oggi voglio parlare.

 

Je so’ pazzo je so’ pazzo
si se ‘ntosta ‘a nervatura
metto a tutti ‘nfaccia o muro
je so’ pazzo je so’ pazzo
e chi dice che Masaniello
poi negro non sia più bello?
e non sono menomato
sono pure diplomato
e la faccia nera l’ho dipinta
per essere notato
Masaniello é crisciuto
Masaniello é turnato
je so’ pazzo
je so’ pazzo
nun nce scassate ‘o cazzo!

 

 

NAPUL’È

Pino Daniele

Napule è mille culure, Napule è mille paure
Napule è a voce de’ creature che saglie chianu chianu
E tu sai ca nun si sule

 

Napule è nu sole amaro Napule è addore e mare
Napule è na carta sporca e nisciuno se ne importa
E ognuno aspetta a ‘ciorta

 

Napule è na’ camminata, inte e viche miezo all’ ato
Napule è tutto nu’ suonno e a sape tutto ‘o munno
Ma nun sann’ a verità

 

Napule è mille culure, Napule è mille paure
Napule è nu sole amaro, Napule è addore è Mare
Napule è na carta sporca e nisciuno se ne importa
Napule è na’ camminata inte viche miezo all’ato
Napule è tutto nu suonno e a sape tutto o’ munnoù

 

Napule è mille culure, Napule è mille paure
Napule è nu sole amaro, Napule è addore è Mare…

 

 

Infine, il suo messaggio di speranza, affidato a ‘Quanno chiove’… Vi prego, se non capite qualche parola, apprezzate le emozioni che vi hanno saputo infondere questi testi così poetici… così umani… nella fragilità della condizione umana, quando il cuore smette di battere e non ci sei più:

 

QUANNO CHIOVE

Pino Daniele

E te sento quanno scinne ‘e
Scale
‘e corza senza guarda’
E te veco tutt’e juorne
Ca ridenno vaje a fatica’
Ma mo nun ride cchiù.
E luntano se ne va
Tutt’a vita accussì
E t’astipe pe nun muri’.
E aspiette che chiove
L’acqua te ‘nfonne e va
Tanto l’aria s’adda cagna’
Ma po’ quanno chiove
L’acqua te ‘nfonne e va
Tanto l’aria s’adda cagna’.
Se fa scuro e parla ‘a luna
E te vieste pe’ senti’
Pe’ te ogne cosa po’ parla’
Ma te restano ‘e parole
E ‘o scuorno ‘e te ‘ncuntra’
Ma passanno quaccheduno
Votta l’uocchie e se ne va.
E aspiette che chiove
L’acqua te ‘nfonne e va
Tanto l’aria s’adda cagna’
Ma po’ quanno chiove
L’acqua te ‘nfonne e va
Tanto l’aria s’adda cagna’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->