sabato, Novembre 27

Tabqa, le immagini dell’offensiva contro l’Isis

0

Continua la battaglia contro Isis in Siria. Gli scontri più duri sono in corso a ovest e a sud di Tabqa, dove i jihadisti hanno tentato un contrattacco nelle ultime ore presso il villaggio di Ayid Qabir, conquistato ma senza successo. I combattenti siriani hanno consolidato il controllo della diga, anche grazie al sostegno della Coalizione internazionale anti-Daesh. All’operazione stanno partecipando anche rinforzi, provenienti dalla sponda settentrionale dell’Eufrate, con l’obiettivo di dare una scossa all’operazione per la liberazione di Tabqa, la quale è essenziale per dare il via all’offensiva a Raqqa.

E proprio la conferma che la liberazione di Tabqa è fondamentale per dare il via all’assalto finale all’altra città arriva dal portavoce dell’operazione Inherent Resolve, il capitano John Darrian. Si lavora intanto affinchè  i jihadisti non possano inviare rinforzi a Tabqa, passando per la Halap-Ar Raqqah Road, che collega le due città. Pre questo continuano le azioni di terra ma soprattutto i raid aerei.

In zona ovviamente operano anche i Marines Usa, in particolare il Battalion Landing Team 1st Battalion, 4th Marines ground force della 11esima Marine Expeditionary Unit, che sono in Siria a sostegno delle SDF. In neanche un mese, fanno sapere, hanno compiuto già  1.182 missioni.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->