giovedì, Ottobre 28

Svizzera: ultimo giorno del Salone dell’ orologeria Quest’anno sono presenti 35 marche orologiere, ben sei in più rispetto all’anno scorso. Oggi l' apertura ai visitatori

0

Chiude oggi i battenti il Salone internazionale dell’alta orologeria di Ginevra, in Svizzera, giunto alla sua ventottesima edizione. Quest’anno sono presenti 35 marche orologiere, ben sei in più rispetto all’anno scorso: 18 marchi storici e 17 produttori indipendenti. Insieme a Baselworld, che si tiene a fine marzo a Basilea e che coinvolge una gamma più vasta di attori del settore, il Salone di Ginevra è uno dei principali punti di riferimento globali. 

Fabienne Lupo, presidente del Salone dell’alta Orologeria, ha dichiarato: «Negli ultimi due anni abbiamo attraversato un periodo di consolidamento, di rallentamento. il 2017 si chiude con una crescita del 3 -3,5% nell’esportazione dell’orologeria svizzera. Il 2018 dovrebbe seguire la tendenza».

Gli organizzatori si sono posti come obiettivo riuscire ad accogliere fino a 20.000 visitatori. L’ultimo giorno di mostra, cioè oggi, l’ingresso sarà aperto anche al pubblico di semplici curiosi. I visitatori potranno troveranno esposte nuove collezioni, caratterizzate dall’ eleganza sobria. 

Gli orologi, soprattutto quelli simili alle creazioni presentate durante l’ evento, sono da quasi due secoli simbolo dell’eleganza al polso degli uomini e delle donne di tutto il mondo. E le varie aziende hanno sempre cercato di produrre modelli sempre più avanzati e attraenti dal punto di vista del design e dei materiali.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->