mercoledì, Maggio 19

Svizzera: inaugurazione del tunnel di San Gottardo

0

Si inaugura oggi la galleria di base del San Gottardo, in Svizzera: il tunnel più profondo del mondo (duemila 300 metri), che con i suoi 57,1 km è anche la galleria ferroviaria più lunga del mondo. Ci sono voluti 11 miliardi di euro e 17 anni di lavoro con personale proveniente da 15 Paesi del mondo, per ultimare questo colosso ferroviario. Un progetto che consolida una politica dei trasporti ambiziosa e proficua, non solo per la Svizzera, ma per l’Europa intera, dato il perfezionamento dei collegamenti e dei trasporti di merci. Il nuovo tunnel, infatti, presenta notevoli pregi tecnici, come l’assenza di pendenze. Ciò consente il transito di treni più pesanti e più lunghi e, dunque, si potrà trasportare una quantità più importante di merci, attraverso le Alpi. I viaggiatori, inoltre, potranno ridurre i tempi del viaggio di oltre un’ora. Milano sarà raggiungibile da Zurigo in sole tre ore.

A testimonianza del fatto che il progetto coinvolge l’Europa, alla cerimonia di inaugurazione, presenziata dal presidente della Confederazione svizzera Johann Schneider-Ammann, erano presenti i principali leader europei, fra cui la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande e il primo ministro italiano Matteo Renzi.

Ma facciamo un passo indietro. Il tunnel è parte di un progetto che nasce nel 1992, quando il popolo svizzero accettò in votazione popolare il Decreto federale concernente la costruzione di una nuova ferrovia transalpina (la NFTA). Da lì prende il via una politica dei trasporti che ha attraversato le Alpi. Le gallerie in progetto sono tre: il tunnel del Lötschberg (34.6 km), inaugurato nel 2007, quello del Gottardo (57 km) inaugurato in queste ore, e la galleria del Monte Ceneri (15.4 km) la cui apertura è prevista nel 2020.

(Video tratto dal canale Youtube: wochit news)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->