martedì, Gennaio 25

Supervax e gli assassini a piede libero Non è un uccello. Non è un aereo. È Supervax!

0

Nella Metropoli capitolina, ma anche nella Grande città degli affari del nord e nella Capitale della mafia al sud, il crimine si andava insediando e rafforzando. Gli assassini a piede libero continuavano a diffondere, e pure con una certa malvagia soddisfazione, il Virus. E non solo nei grandi centri, ma anche in quelli medi, piccoli e piccolissimi. Sin nei borghi di qualche centinaia o decine di abitanti. Non c’era quasi più freno al loro dilagare, e parallelamente e di conseguenza al dilagare del C19, il potente agente virale che l’aggressione alla natura, e la perversione delle leggi di natura aveva reso endemico e quasi inarrestabile.

Quasi, ché se l’ingegno umano, e spesso disumano, aveva portato a questo, per fortuna ormai da secoli (pochi ma decisivi) era stato trovato un seppur parziale rimedio. Il Vaccino. E poi se si rispettavano le regole sanitarie e sociali ben lo si poteva contenere, il Nemico. E invece, in tutto il mondo certo ma nel Paese dei Fattipropri (Pdf) chiamato Italia assai di più, era quasi una gioia irridere allo Stato e violarne le regole. La situazione pareva ineluttabilmente fuori controllo, i più, pur rigorosi e rispettosi del patto sociale, erano vittime di una minoranza aggressiva e pericolosa. Una minoranza di assassini. Assassini a piede libero.

Quando, ecco, una figura si staglia nel cielo della Metropoli. Inizialmente non si capisce bene cosa o chi sia. È un uccello? È un aereo? È un pallone gonfiato? No è Supervax!

Dapprima sconcertata la popolazione si rende conto che se a proteggerci non sono quanti sono delegati apicalmente a farlo, e non essendo stato ancora inventato un vaccino contro la stupidità e la paranoia di antivaccinisti, semivaccinisti, quasivaccinisti e forsevaccinistimanonèpropriosicuropoivediamoedelrestoanchemiocugino, occorre provvedere diversamente. Per fortuna c’è lui. Supervax. C’è e ci sarà lui a difendere e proteggere i cittadini inermi da questi delinquenti senza mascherina e senza vergogna.

Supervax nonostante il nome non è un Supereroe, memori dell’insegnamento brechtiano sulla fortuna dei popoli che non hanno bisogno di eroi. (Figuriamoci di Super eroi). È chiunque voglia rispettare e far rispettare le regole del vivere civile. E della tutela propria e altrui.

Ne seguiremo, e narreremo le gesta.

E via, più veloce della pandemia!

[Liberamente ispirato al personaggio creato da Jerry Siegel e Joe Shuster]

Vaccinazioni precedenti
1/ No Vax, assassini a piede libero
2/ Covid-19: ce la meritiamo la quarta ondata
3/ No Vax, assassini a piede libero. E adesso basta! 

ASSASSINI A PIEDE LIBERO /4 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->