sabato, Dicembre 4

Super Tuesday: si accendono le primarie USA

0
1 2


Giornata dei grandi numeri quella di oggi negli Stati Uniti, dove andrà in scena il Super Tuesday. In questa particolare tappa delle primarie per la nomination alla presidenza, si voterà contemporaneamente in Alabama, Arkansas, Colorado, Georgia, Massachusetts, Minnesota, Oklahoma, Tennessee, Texas, VermontVirginia. I repubblicani voteranno anche in Alaska, North Dakota e Wyoming, i democratici nell’American Samoa.
In palio, quindi, un numero di delegati maggiore che in ogni altro giorno della corsa alla Casa Bianca. In gioco ci sono infatti circa la metà dei delegati che servono a un candidato repubblicano per vincere la nomination, quasi più di un terzo per i democratici.

0

credits: predictwise

Ogni sondaggio sembra indicare lo stesso risultato: sono Hillary Clinton e Donald Trump a guidare i rispettivi schieramenti.

OKD OKR

credits: huffingtonpost

Sul fronte repubblicano, gli ultimi sondaggi della Monmouth University danno Trump in vantaggio in Alabama e Oklahoma.
In Alabama Trump avrebbe circa il 42%, Marco Rubio il 19% e Ted Cruz il 16%. In posizione defilata, Ben Carson con l’11% e l’ex Governatore dell’Ohio John Kasich al 5%.
Trump è anche il preferito tra gli elettori evangelici, tra i quali guida la corsa al 43%, seguito ancora da Rubio al 18% e Cruz al 15%.
Meno profondo il distacco di Trump in Oklahoma. Qui il magnate newyorchese ha il 35% dei voti, Cruz il 23%, Rubio il 22%, Kasich l’8% e Carson il 7%.

Tra i democratici, la Clinton sembra tranquillamente in vantaggio su Bernie Sanders, ma in Oklahoma la corsa si gioca su una manciata di punti percentili, con Sanders leggermente davanti all’ex Segretario di Stato.
In Alabama la Clinton ha un forte 71%, Sanders solo il 23%. Ma il senatore del Vermont è davanti in Oklahoma, con il 48% delle preferenze. Qui la Clinton avrebbe solo il 43% dei voti.
Per quanto riguarda gli indecisi, in Alabama essi sono il 6%. In Oklahoma l’8%.
La Clinton guida Sanders tra gli elettori bianchi in Oklahoma per 7 punti, mentre essi salgono a 22 nello stesso gruppo in Alabama. Tra gli elettori afroamericani, in Alabama la Clinton registra un ottimo 80%, Sanders solo il 12%.

M

credits: huffingtonpost

Secondo le proiezioni della Suffolk University, la Clinton sarebbe in vantaggio per 8 punti anche in Massachusetts, nonostante questo sia uno di quegli Stati in cui il senatore del Vermont si aspetti di essere fortemente competitivo.

1 2

credits: predictwise

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->