martedì, Maggio 18

Sulcis disoccupazione e inquinamento: chi deve pagare? image

0

Il colonialismo si esprime in molti modi, avvelenando le nostre terre ed il nostro popolo, sfruttandolo e costringendolo a subire una politica economica di stampo coloniale che nega la possibilità di crescita e di riscatto economico e sociale. In alcuni casi, tutto questo si verifica contemporaneamente e concretizza una vera e propria dipendenza.
Da decenni il polo industriale di Portovesme avvelena la nostra terra e gli abitanti del territorio, ponendo i cittadini di fronte all’ambizione di un posto di lavoro malato in tutte le sue forme e, contemporaneamente, inibendo qualsiasi possibilità di sviluppo per un’economia alternativa e realmente ancorata alle risorse del territorio, rendendo impraticabile l’agricoltura e la pastorizia mentre viene assestato un duro colpo anche al turismo attraverso la costruzione di strutture orribili a ridosso delle coste.

Il FIU ancora una volta denuncia con forza lo stato di abbandono in cui versa tutto il territorio del Sulcis Iglesiente ed esprime la propria solidarietà agli operai – liquidati perché non più utili ai poteri economici basati sul foraggiamento temporaneo di denari pubblici – agli agricoltori ed allevatori ai quali le possibilità di sviluppo sono state scippate anni fa sotto i falsi miti di uno ‘sviluppo economico’ che si è rivelato per quel che è: la morte del nostro territorio.

Invitiamo tutti gli abitanti del territorio ad unirsi ai cittadini attualmente impegnati nell’occupazione dei vigneti. Riteniamo che tumori e devastazioni ambientali non si possano prescrivere, come sta accadendo vergognosamente a Porto Torres; è ferma la nostra volontà di organizzare insieme un percorso di lotte e rivendicazioni indispensabili affinché le responsabilità di grandi aziende e partiti italiani nell’avvelenamento del territorio vengano perseguite senza sconti.

Il Fronte Indipendentista Unidu ritiene questo un passaggio – prima di tutto culturale – indispensabile al fine di attivare un reale sviluppo che non ponga più le popolazioni di fronte alla mortifera “scelta” tra salute e lavoro.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->