martedì, Novembre 30

Sudafrica: violente manifestazioni contro la pubblicità dell’ H&M  A causarle, la campagna pubblicitaria definita razzista dai manifestanti

0

Devastazioni di vetrine, caos in almeno sei negozi a Johannesburg: queste le contestazioni contro H&M in Sudafrica. La protesta nasce dalla pubblicità di una felpa con sù scritta “La scimmia più cool nella giungla“ , indossata da un bambino di colore. Le reazioni, anche sui social network, avevano causato l’ interruzione della campagna pubblicitaria.

Ma secondo Mbuyiseni Ndlozi, portavoce del gruppo di estrema sinistra Economic Freedom Fighters (EFF) leader delle proteste, la risposta di H&M sarebbe insufficiente, “troppo poco”, e sarebbe stata data quando ormai era “troppo tardi”. L’ EFF è un partito politico socialista rivoluzionario oggi il terzo nel parlamento sudafricano e la sua fondazione da parte di Julius Malema risale al 2013. Tra gli slogan, oltre la reintroduzione della pena di morte, l’ esproprio dei terreni di cui si sono appropriati i bianchi e numerose nazionalizzazioni, soprattutto del settore minerario e delle banche.

I manifestanti, indossando indumenti rossi, avevano il logo di Eff e scritte come “Abbasso H&M” e “H&M dì ‘ciao’ alle scimmie più cool”.  I poliziotti avrebbero sparato proiettili di gomma per calmare gli animi, ma al momento, non sarebbero stati effettuati arresti. «Nel centro commerciale East Rand, i manifestanti sono riusciti a entrare in un negozio e hanno rubato oggetti. Gli agenti sono dovuti intervenire e disperdere i manifestanti sparando proiettili di gomma», ha affermato la polizia locale

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->