domenica, Giugno 20

Sudafrica, Malema festeggia l’esproprio delle terre senza compensazione Approvata la sua mozione, anche grazie a molti elementi del partito di governo, l'ANC

0

Con 241 voti a favore, 83 contrari e zero astenuti, in Sudafrica è passata la mozione di Julius Malema, leader dell’Economic Freedom Fighters (Eff), che in sostanza apre la strada all’esproprio di terre senza compensazione. Un qualcosa reso possibile dal fallimento della riforma agraria, ex pilastro dell’azione di governo avviata da Mandela, avendo redistribuito pochissimo di quell’80% di terre che era nella disponibilità della minoranza bianca ai tempi dell’apartheid.

E’ stata istituita una commissione ad hoc che dovrà consultare politici, società civile ed esperti vari, prima di procedere alla modifica della Costituzione. «E’ finito il tempo della riconciliazione, ora è giunto il tempo della giustizia», ha detto Malema. Ma guai a parlare di vendetta, ha spiegato in aula, perché la necessità è quella di ridare dignità ai neri. A dire qualcosa di simile anche Cyril Ramaphosa, il nuovo presidente dell’Anc, secondo cui il fine resta quello di aumentare la produzione e quindi la sicurezza alimentare, ma ammette anche che tra le questioni nazionali irrisolte e fonte di discordia c’è «il risarcimento delle ingiustizie del passato».

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->