venerdì, Maggio 7

Sudafrica: le anatre proteggono i vigneti field_506ffbaa4a8d4

0

Anche un’anatra può diventare un contadino. E’ quello che è successo in Sudafrica. Infatti, un esercito composto da circa 1000 anatre corritrici indiane lavora nell’azienda vinicola Vergenoegd Wine Estate, situata nello Stellenbosch. La loro missione è quella di cercare e distruggere migliaia di parassiti che rischiano di rovinare il raccolto della stagione, in particolar modo di uccidere la principale minaccia dei vigneti: le lumache bianche. Queste lumache infestano numerose piante e colture economicamente importanti.

Il tutto è iniziato con sei anatre nel 1983, fino ad arrivare ad oggi con circa mille esemplari.

Le anatre corritrici indiane non solo sono efficaci per il controllo dei parassiti all’interno dei vigneti, ma sono anche una buona fonte di fertilizzante. Per di più, contribuiscono a rendere l’azienda agricola sostenibile e rispettosa dell’ambiente. Infatti, grazie al loro aiuto, non è necessario l’utilizzo dei pesticidi che non solo erano dannosi per la salute dei consumatori e che contribuivano all’inquinamento dei terreni e delle falde acquifere, ma, uccidendo tutti gli insetti, uccidevano anche quelli ‘buoni’, ovvero utili alla stessa pianta per il suo sviluppo.

Sono così diventate una sorta di attrazione turistica: le contadine piumate pattugliano 140 acri (circa 57 ettari) di vigneto cinque giorni a settimana e ‘corrono’ per la tenuta -e sotto gli occhi dei curiosi- ben due volte al giorno, una volta alle 9,45 e di nuovo alle 15,30.

In onore dell’enorme contributo dato dalle anatre, l’azienda ha creato una selezione di vini soprannominata ‘Runner Duck’.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Africanews)

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->