giovedì, Settembre 23

Sud Sudan, profughi in fuga dalla guerra field_506ffb1d3dbe2

0

Sud Sudan nel caos. Secondo l’ONU, che ha pubblicato un documento pochi giorni fa, nel 2015 quasi 11mila sono state le vittime e 1.300 gli stupri tra aprile e settembre. Un conflitto, iniziato nel 2013, nel quale i militari dell’esercito di Juba e le milizie alleate hanno compiuto in modo sistematico massacri e violenze sessuali, anche su adolescenti e bambine. Si tratta di accuse nei confronti del Sud Sudan documentate con testimonianze dirette. L’accusa a Salva Kiir e ai suoi ministri è quella di favorire i crimini contro la popolazione commessi da chi agisce per loro. In particolare si denuncia l’uso dello stupro come vera e propria arma di guerra, per terrorizzare i civili e punirli. E ad usare questa arma, anche se in modo inferiore, anche l’opposizione. «Quella in Sud Sudan è una delle più orrende situazioni dei diritti umani nel mondo, con un uso diffuso dello stupro come strumento per terrorizzare e come arma di guerra», dice Zeid Ra’ad al-Hussein, alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite. Dal dicembre 2013, quando cominciò lo scontro tra il presidente Kiir e il suo ex vice Riek Machar, si parla di decine di migliaia di vittime e oltre due milioni gli sfollati. E proprio questi ultimi stanno fuggendo dai campi al confine con il Sudan proprio per trasferirsi in questo Stato.

 

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->