sabato, Aprile 17

Sud Corea e investimenti

0

BangkokDati sorprendenti circa l’economia sudcoreana, con qualche chiaro e qualche scuro. Da una parte infatti, si riscontrano dati positivi che denotano una certa crescita complessiva mentre d’altro canto non si possono non riscontrare anche i segni della ormai onnipresente crisi globale. Gli investimenti diretti stranieri di fonte asiatica a favore di Seoul sono saliti di oltre il 65 per cento lo scorso anno, come reso noto attraverso i contenuti del Report Economico Cittadino pubblicato Martedì.

Secondo il Governo Metropolitano di Seoul, gli investimenti diretti provenienti dai paesi asiatici sono aumentati fino a raggiungere un ammontare pari a circa 2,6 miliardi l’anno scorso, con un incremento del 65,4 per cento su base annua. Questo rappresenta il 47,3 per cento del totale degli investimenti diretti nel capitale.

Allo stesso tempo, però, bisogna anche annotare altri fattori non del tutto positivi: gli investimenti diretti provenienti dalla Cina sono praticamente rimasti circa gli stessi attestandosi a 63 milioni dollari come nel 2013, gli investimenti che si muovono con triangolazioni via Singapore e Hong Kong hanno svolto un ruolo importante nella crescita complessiva, hanno detto i funzionari. Ora vi è un’alta attesa per gli effetti ritenuti a breve positivi in relazione all’accordo di libero scambio tra i due Paesi, fattore che ha contribuito anch’esso in modo netto e preponderante nella crescita complessiva dei valori annotati nel Report Cittadino stilato dalle Autorità economiche di Seoul.

Tuttavia, vi è stato un contemporaneo calo degli investimenti provenienti da altre regioni, in parte a causa di problemi economici all’estero, così recita il report economico.

Gli investimenti diretti provenienti dai Paesi europei, ad esempio, sono praticamente crollati a 1,3 miliardi, in calo del 53,7 per cento rispetto al 2013. Gli investimenti diretti stranieri provenienti dagli Stati Uniti sono discesi fino a 1,6 miliardi di Won, attestandosi al ribasso fino all’ 8,3 per cento su base annua.

Di conseguenza, gli investimenti diretti esteri complessivi giunti a favore del capitale locale sono scesi fino a circa 5,5 miliardi di Dollari USA con un decremento del 10,7 per cento, dice il rapporto.

Un totale complessivo di 59 Paesi ha effettuato investimenti a favore di Seoul, con una media di 6,5 milioni dollari, si riscontra nel testo del report economico.

Tra questi, gli Stati Uniti sono stati di fatto il più grande contributore con circa 955 milioni di Dollari USA, seguiti da Singapore e Giappone, con 951 milioni dollari e 714 milioni di Dollari, rispettivamente.

Scorporando i dati per tipologia di attività economica e industriale, l’84 per cento degli investitori stranieri sono giunti a favore del settore dei servizi, che comprende i mercati finanziari, assicurativi e della distribuzione. Il resto è risultato investito nella produzione, afferma il testo del report economico delle Autorità economiche di Seoul.

Mentre l’investimento complessivo nel settore dei servizi è diminuito di circa il 20 per cento fino a giungere al livello di 4,5 miliardi di dollari, il contributo finanziario nel settore della produzione è nettamente cresciuto di circa il 144 per cento fino a raggiungere gli 877 milioni di Dollari USA in termini di controvalore.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->