martedì, Aprile 20

Successo turistico nepalese field_506ffb1d3dbe2

0

nepal_2117497b

Bangkok – Le grandi mutazioni della società –oltre che dell’economia- in Cina, hanno “liberato” grandi quote di viaggiatori cinesi che oggi hanno capacità economiche e libertà di movimento fino a poco tempo fa inimmaginabili per il Paese del Grande Dragone. Oggi non è più così: sempre più ampie quote di cinesi possono viaggiare e tra di essi, mentre quelli più abbienti possono proporsi di viaggiare verso mete per loro lontane e magari anche conoscere l’agognato e tanto decantato Occidente, i turisti cinesi con minori possibilità e che debbono vedersela con viaggi di gittata minore, possono sondare meglio tutta l’area asiatica circostante e i Paesi più vicini territorialmente e geograficamente alla Cina.

Tutto questo spiega il perché del grande successo –dal punto di vista della appetibilità turistica- delle nazioni più immediatamente vicine alla Cina stessa: uno di questi “casi” di improvviso successo turistico è il Nepal.

Negli ultimi anni, vi è stata una crescita esponenziale nel numero dei turisti cinesi che visitano il Nepal. Questo fenomeno ha creato una grossa opportunità di business in più per le Compagnie Aeree cinesi che viaggiano sulla tratta Cina-Nepal.

In media, nel Biennio 2012-2013, vi è stata approssimativamente una crescita del 25% nel numero dei cinesi che si sono recati in Nepal.

Secondo il Ministero per il Turismo, 89.509 turisti cinesi sono entrati in Nepal nel 2013. Più o meno 53.373 (il 60%) di essi hanno viaggiato verso il Nepal attraverso le vie aeree sebbene vi sia da considerare anche un abbondante 40% basato su 36.136 turisti che hanno varcato il confine col Nepal per via terrestre. Questa configurazione numerica rappresenta una crescita del 24% rispetto al 2012.

Si prevede, in base a questo trend, che entro il 2020 si possa raggiungere tranquillamente una cifra intorno a 387.838 turisti per quel che riguarda il novero di turisti cinesi che raggiungeranno il Nepal per via aerea e via terrestre.

Tra le principali fonti di attrazione per i turisti cinesi vi sono numerosi siti e destinazioni che sono ritenute mete esotiche, anche per motivi di prossimità geografica e per i costi alquanto contenuti per i viaggi.

I cinesi sono attratti anche da tesori culturali quali quelli di Kathmandu, Pokhara , Bhaira-hawa, Jomsom e Muktinath . Ciò non sorprende, vi sono anche molti appassionati di trekking, parapendio e rafting così vi sono linee di viaggio appositamente studiate per questi altrettanto specifici tipi di utenza.

Per quanto riguarda gli imprenditori cinesi, essi cercano anche erbe medicinali e medicine di vario genere, che hanno ben distinti valori e qualità e sono disponibili in grandi varietà proprio grazie alle grandi diversità naturalistiche del Nepal.

E la gran parte di queste piante crescono naturalmente ad elevate latitudini in aree contigue ai confini con la Cina. Tutto ciò ha contribuito ad elevare il numero dei turisti di cinesi che giungono in Nepal, anche sull’onda dell’Accordo sui Servizi Aerei recentemente rivisitato ed aggiornato tra le due Nazioni. Oggi le compagnie aeree cinesi sono autorizzate a far operare 56 voli ogni settimana. In precedenza, erano stati consentiti solo 14 voli, secondo quanto consentito dalle autorità dell’aviazione civile.

Allo stato attuale, tre Compagnie Aeree cinesi operano quotidianamente e prevedono voli regolari con destinazione il Nepal. Tre Compagnie –Air China, China Eastern e China Southern- segnalano voli occupati al 98 per cento, raggiungendo picchi di più di 40.950 voli nell’arco dell’anno.

Nei primi tre mesi del 2014 le tre Compagnie Aeree cinesi hanno assistito ad una crescita dei loro passeggeri con un livello di saturazione posti del 20 per cento, fino a raggiungere 50.404 viaggiatori. Anche la Dragon Air, una Compagnia aerea che ha sede a Hong Kong ha visto una crescita dei suoi passeggeri per un 16.80 per cento nel livello di occupazione media dei posti, raggiungendo i 31.012 viaggiatori, come segnalato dall’Aeroporto Internazionale Tribhuvan. Secondo quest’ultimo, le Compagnie aeree catturano il 36.62 per cento del totale della domanda rappresentata dai passeggeri.

La quota condivisa dalle Compagnie aeree indiane e cinesi si attesta al 27.54 per cento ed al 5.97 per cento rispettivamente.

I turisti che giungono dall’India hanno contribuito in modo significativo al mercato del Nepal con il 23 per cento del totale dei visitatori sebbene l’11 per cento dei turisti che hanno visitato il Nepal nel 2013 provenivano dalla Cina.

Le Compagnie aeree cinesi possono prefigurare un futuro recente luminoso per quello che riguarda l’espansione del proprio mercato.

Il viaggio all’estero è un trend in crescita tra i cinesi e la Cina ha in effetti investito molto nelle infrastrutture del Nepal come aeroporti, centrali ad energia idroelettrica e strade.

Inoltre la Cina ha anche posto il Nepal tra le sue priorità ed ha a lungo incoraggiato i propri cittadini a visitare il Paese. Questo indica chiaramente le migliori prospettive per entrambi, le Compagnie aeree cinesi e l’industria del turismo nepalese. Secondo un report di Forbes http://en.wikipedia.org/wiki/Forbes, le località esotiche in Nepal hanno creato grande popolarità tra i cinesi.

Il Nepal è stato collocato al nono posto in una lista di nove destinazioni all’estero preferite dai cinesi nel 2013. Nel 2012, più del 90 per cento dei visitatori cinesi erano in Nepal per la prima volta. Questo è un dato chiave che mostra come sempre più visitatori viaggeranno verso il Nepal nei giorni a venire in qualità di visitatori che giungono in Nepal per la prima volta.

Questi turisti possono giocare un ruolo molto importante nel promuovere e raccomandare un viaggio in Nepal ai propri amici e familiari.

Nel report di Forbes, la Cina si colloca alla prima posizione nel turismo globale come vera e propria fonte del mercato turistico in termini di numeri e di denari speso in viaggi a livello internazionale.

Poiché il Nepal è tra i Paesi vicini ed ha molte località esotiche cariche di attrattività, può trarre grande vantaggio per la sua vicinanza e così anche le Compagnie aeree di entrambe le Nazioni. Per adesso, le Compagnie aeree cinesi hanno un’ampia opportunità di andare avanti e crescere oltre che capitalizzare in modo notevole sulla base di questi grandi vantaggi sulla tratta Cina-Nepal.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->