lunedì, Maggio 17

Successo in crescita per il cemento ottenuto con fibre di canapa Rassegna stampa canapa e cannabis nelle testate estere dal 29 Marzo al 2 Aprile

0

Il cemento ottenuto con fibre di canapa sta ottenendo sempre più successo sul mercato edilizio e dei costruttori a livello internazionale. Il cemento da canapa offre un’ampia varietà di vantaggi rispetto ai materiali da costruzione tradizionali. È resistente al fuoco e ai parassiti. Mantiene gli interni freschi d’estate e caldi d’inverno. È contemporaneamente ermetico ma traspirante, il che lo rende virtualmente immune da muffe e altri problemi legati all’umidità. La pubblicità può essere difficile per le aziende di cannabis che cercano di navigare nel mondo in continua evoluzione delle normative su ciò che possono dire e mostrare. Ad esempio, la California ha recentemente aggiornato le sue linee guida sulla pubblicità tramite cartelloni pubblicitari vicino alle autostrade e molte piattaforme tradizionali non consentono alle aziende di mostrare il consumo di cannabis negli annunci. La scorsa settimana in Nevada è stata presentata una proposta di legge per consentire le sale lounge per il consumo di cannabis. Introdotto dal membro dell’Assemblea Steve Yeager, l’Assembly Bill 341 aprirà la porta per le sale lounge di cannabis per uso sociale in tutto lo Stato. Il primo dispensario di cannabis per uso adulto di proprietà di donne nere e haitiano-americane sulla costa orientale è stato aperto a Brockton, Massachusetts. Il giorno di San Patrizio ha visto le vendite di cannabis più alte finora quest’anno, per un totale di 89 milioni di Dollari negli Stati Uniti, secondo i dati di MJ Freeway delineati da Forbes. Il totale è stato del 50% superiore alla media delle vendite di mercoledì fino ad ora quest’anno.

 

Canada

Art Du Chanvre spera di portare il cemento di canapa a tutti, migliorando nel contempo il processo di produzione nel mondo

La maggior parte degli adolescenti non ha deciso cosa fare della propria vita. E se lo hanno fatto, è probabile che le loro aspirazioni si trasformeranno e cambieranno quando le porte si apriranno e si chiuderanno, poiché l’idealismo giovanile lascia il posto a considerazioni pragmatiche.

Ma da adolescente, Anthony Néron aveva già un piano: «Sapevo molto presto che la canapa era una risposta alla crisi ambientale, sociale ed economica», dice. «Era davvero mia intenzione portare il mio contributo per rendere questo mondo un posto migliore».

E così, Néron ha avviato una linea di abbigliamento in canapa a 18 anni, imparando il mestiere del design di abbigliamento e affinando le sue capacità di cucito. Per due anni, ha lavorato duramente con la macchina da cucire, realizzando abiti di canapa che sperava potessero portare una sorta di rivoluzione, fino a quando i suoi grandi sogni non si sono sbriciolati sotto realizzazioni più pratiche.

«L’abbigliamento dalla Cina era troppo economico per me [per competerci]», spiega. «Non potevo guadagnarci da vivere».

Ma come voleva il destino, per lui si stava aprendo una nuova porta: Néron ha ricevuto un invito a visitare la prima casa di canapa in Quebec. È diventato un aiutante sul sito e ha sviluppato rapporti con gli artigiani. Li ha seguiti in altri cantieri e ha lavorato come apprendista per quattro anni.

È stata una scelta naturale. Sua madre era una designer e spesso lo portava con sé in progetti, dandogli piccoli lavori nei cantieri. E dopo aver appreso i dettagli della costruzione del cemento armato, era pronto a mettersi in proprio con la sua visione: Art DuChanvre.

Dopo aver lavorato in molti cantieri di malta da canapa, Néron ha visto la necessità di un diverso tipo di look. La maggior parte delle case in cui lavorava erano in zone rurali e avevano un’atmosfera rustica. «Non era per tutti“, ha detto. Con il suo Art Du Chanvre(che si traduce in Arte di Canapa) con sede in Quebec-Canada, Néron combina la costruzione in canapa e calce con un’estetica più raffinata e minimalista.

«Il mio obiettivo era creare qualcosa di molto universale», ha detto. «Era mia intenzione portare l’hempcrete nel design contemporaneo. Non ho mai rinunciato al mio sogno di rendere la canapa una soluzione per tutti».

È chiaro che Néron si concentra sulle proprietà rivoluzionarie della pianta, e per una buona ragione. La malta da canapa offre un’ampia varietà di vantaggi rispetto ai materiali da costruzione tradizionali. È resistente al fuoco e ai parassiti. Mantiene gli interni freschi d’estate e caldi d’inverno. È contemporaneamente ermetico ma traspirante, il che lo rende virtualmente immune da muffe e altri problemi legati all’umidità. Allora perché non tutte le case sono costruite con il cemento canapa?

In questo momento, costruire una casa di canapa costa circa il 10% in più rispetto ai materiali tradizionali. Tuttavia, si prevede che tale costo diminuirà man mano che più persone adotteranno il materiale e più persone probabilmente passeranno alla canapa con la consapevolezza di poter risparmiare a lungo termine sui costi energetici ottenendo una struttura che durerà secoli.

«Le persone hanno un po’ paura del cambiamento», afferma Néron. Ma spera che le sue costruzioni pulite e moderne contribuiranno a portare la canapa a un pubblico più ampio. Con Art Du Chanvre, Néron preferisce concentrarsi su linee e trame bellissime, mentre utilizza bianchi e grigi per creare una tela per mobili eccentrici, decorazioni colorate e arte elegante.

C’è anche la questione dell’istruzione: molti semplicemente non sono a conoscenza del materiale. Néron dice che una parte significativa del suo lavoro consiste nell’insegnare agli altri la canapa, quindi viaggia spesso per parlare a varie conferenze.

«La costruzione può letteralmente guidare una rivoluzione», afferma Néron. «Se usiamo la canapa e costruiamo edifici, non stiamo solo fermando l’inquinamento, ma stiamo anche pulendo la terra». La canapa cattura il carbonio mentre cresce, rilasciando ossigeno e può anche aiutare a rimuovere i metalli pesanti e le tossine dal suolo. Nel frattempo, i materiali da costruzione tradizionali che l’olio di canapa può sostituire sono sottoprodotti del petrolio come cera per pavimenti, materiale per calafataggio e vernice per la casa.

«Hai l’industria petrolifera nel settore delle costruzioni e hanno troppo potere», dice Néron, citando l’ennesima sfida che deve affrontare nella sua rivoluzione della canapa.

La buona notizia è che la malta da canapa sta prendendo piede. Néron dice che sta riscontrando sempre più interesse, soprattutto negli Stati Uniti. «Le persone più ricettive e di mentalità aperta sono gli americani“, dice. «Ricevo sempre più chiamate dagli Stati Uniti».

E mentre la canapa e la marijuana psicoattiva sono due piante molto diverse, la liberalizzazione delle leggi sulla cannabis sta spingendo entrambe in avanti. «[La legalizzazione] apre molte porte. La gente smetterà di considerare la cannabis e la canapa come una droga», dice Néron. «È davvero una buona cosa e abbiamo anni bellissimi davanti a noi».

 

Stati Uniti

Per la pubblicità sulla cannabis, Weedmaps si distingue

La pubblicità può essere difficile per le aziende di cannabis che cercano di navigare nel mondo in continua evoluzione delle normative su ciò che possono dire e mostrare. Ad esempio, la California ha recentemente aggiornato le sue linee guida sulla pubblicità tramite cartelloni pubblicitari vicino alle autostrade e molte piattaforme tradizionali non consentono alle aziende di mostrare il consumo di cannabis negli annunci. Con così tante regole, dove possono rivolgersi le persone per soluzioni pubblicitarie?

Weedmaps è la principale azienda tecnologica nell’economia legale della cannabis, che collega i consumatori a rivenditori e marchi sostenendo nel contempo la cannabis accessibile per tutti i pazienti e gli adulti. Oggi stanno costruendo il sistema operativo del settore, una piattaforma per coinvolgere i consumatori e le offerte di pubblicità e software per aiutare le aziende a prosperare nella complessa economia della cannabis.

Weedmaps è stato progettato per aumentare l’accesso alla cannabis nel mercato legale e fornire un servizio tanto necessario per i consumatori di cannabis. L’azienda lavora anche con marchi e rivenditori di cannabis per garantire ai consumatori l’accesso alla selezione di prodotti più aggiornata e completa.

Con i codici promozionali, i rivenditori possono offrire sconti unici, mentre i menu live forniscono ai clienti informazioni aggiornate e in tempo reale. Il badge di verifica del marchio aiuta a proteggere i consumatori e a prevenire la vendita di prodotti a base di cannabis contraffatti. Queste funzionalità sono un vantaggio per gli inserzionisti, poiché si traducono in più occhi sulle loro inserzioni, maggiore coinvolgimento e potenzialmente più vendite.

Mirare ai consumatori di cannabis su larga scala

Ogni mese, oltre 10 milioni di persone visitano weedmaps.com per trovare un prodotto specifico, un rivenditore nelle vicinanze o dove possono acquistare i migliori fiori, tinture o commestibili al miglior prezzo. Molti sono acquirenti di valore, la maggior parte dei quali consuma regolarmente cannabis. Rispondono con forza alle opportunità di risparmio e valore.

Weedmaps incoraggia gli inserzionisti a sfruttare la piattaforma per connettersi direttamente con i consumatori e condividere aggiornamenti su acquisti di prodotti, offerte o vendite speciali.

Adam Hirschberg, Senior Advertising Manager di Weedmaps, spiega che questa capacità per le aziende di cannabis di essere dirette con i loro messaggi pubblicitari è uno dei vantaggi che Weedmaps ha rispetto ad altre piattaforme di marketing. «Ci sono opzioni pubblicitarie limitate per le aziende di cannabis per indirizzare i consumatori di cannabis in-market su larga scala», ha detto. «E mentre a volte, questi altri canali possono essere efficaci, gli inserzionisti spesso non possono sbloccare la scalabilità e assicurarsi che stiano offrendo a un pubblico di cannabis. Devono stare molto attenti a come si posizionano per mantenere la visibilità, cercando anche di promuovere una vendita, il che è tutto una sfida».

Essendo la più grande azienda tecnologica nell’economia legale della cannabis, Weedmaps offre una connessione diretta con il consumatore su larga scala, misurando anche le prestazioni degli acquisti di annunci pubblicati di fronte al loro pubblico altamente transazionale. Essere al centro dell’attenzione durante il percorso di acquisto di un utente è potente: è la chiave del successo e i marchi e i rivenditori possono trarne vantaggio con Weedmaps.

Ricchi approfondimenti misurabili

La pubblicità è la chiave per marchi e rivenditori che cercano di entrare in contatto con consumatori coinvolti che fanno acquisti su weedmaps.com.

Weedmaps misura il successo e l’efficacia dei loro prodotti pubblicitari a pagamento altamente efficienti, offrendo agli inserzionisti approfondimenti dettagliati con ogni promozione a pagamento. I clienti possono utilizzare queste informazioni per capire meglio cosa stanno cercando i consumatori.

«Ciò che ci distingue è che stiamo costruendo sempre più strumenti e rapporti per i clienti in modo che possano vedere il ritorno sulla loro spesa pubblicitaria», ha detto Hirschberg. «Quando fai pubblicità con weedmaps.com, saprai qual è il tuo ritorno perché abbiamo quella capacità di ordinare e possiamo vedere l’intero ecosistema di e-commerce e offrire approfondimenti ai nostri clienti».

Armati di approfondimenti specifici sul coinvolgimento dei consumatori, i clienti di Weedmaps possono impostare strategicamente un percorso per ottenere i profitti più elevati della loro attività. Nel 2020, più di 300+ inserzionisti e 1.000+ campagne, Weedmaps ha generato:

-Oltre 250 milioni di impressioni

-Oltre 3,5 milioni di ordini (nel 2020)

-Un ritorno medio sulla spesa pubblicitaria di $ 17

-Un aumento medio del 107% delle visualizzazioni del proprio marchio o della scheda del rivenditore

Hirschberg afferma che i clienti che sfruttano le funzionalità in loco come i codici promozionali e le verifiche del marchio vedono un maggiore coinvolgimento e un rendimento migliore. «Aiuta a stimolare la fiducia dei consumatori e convalida il rapporto tra il rivenditore e il marchio», ha affermato.

Le offerte di Weedmaps Ad sono vantaggiose sia per i consumatori che per i marchi di cannabis.

Secondo Hirschberg, «Unire le forze tra rivenditori e marchi invia un messaggio convincente ai consumatori, offrendo loro anche un codice di sconto su cui possono agire immediatamente».

 

Stati Uniti

Sale stile lounge per la cannabis proposte in Nevada

Le sale in stile lounge per il consumo di cannabis potrebbero arrivare presto in Nevada con una nuova proposta presentata la scorsa settimana.

Secondo un rapporto di 8 News Now, la scorsa settimana in Nevada è stata proposta una proposta di legge per consentire le sale lounge per il consumo di cannabis.

Introdotto dal membro dell’Assemblea Steve Yeager, l’Assembly Bill 341 aprirà la porta per le sale lounge di cannabis per uso sociale in tutto lo stato. Il disegno di legge cerca di fornire una soluzione a un problema che irrita costantemente gli stati legali della cannabis – come molte altre giurisdizioni, il Nevada consente agli adulti di acquistare prodotti a base di cannabis, ma il loro consumo deve essere fatto su proprietà privata, fuori dalla vista del pubblico. Questo è un grosso problema per le destinazioni turistiche come Las Vegas, dove i visitatori possono acquistare cannabis ma poi hanno problemi a trovare un luogo legale per consumare il loro acquisto.

«È il momento giusto e lo slancio è giusto. Ora abbiamo il Cannabis Compliance Board, che è l’agenzia di regolamentazione per l’industria della cannabis. Penso che avranno un ruolo importante da svolgere nell’aiutarci a realizzare questo obiettivo», ha affermato Assemblyman Yeager, tramite 8 News Now.

Se approvato, le località sarebbero autorizzate a rinunciare alla concessione di licenze per attività di uso sociale.

David Farris, VP of Marketing and Sales per Planet 13 -che è classificato come il dispensario più grande del mondo e si trova vicino alla Strip di Las Vegas- ha detto che Las Vegas chiede da “molto tempo” sale di cannabis per uso sociale.

«Pensiamo che sia qualcosa che è necessario a Las Vegas», ha detto. «Penso che sia la cosa giusta da fare per consentire ai nostri clienti locali e turistici di consumare prodotti a base di cannabis».

Il membro dell’Assemblea Yeager ha affermato che la legislazione può affrontare le preoccupazioni del pubblico, in particolare quelle relative ai conducenti intossicati, come fanno con l’alcol.

«Mentre elaboriamo la legislazione, dobbiamo assicurarci di farlo in modo responsabile», ha affermato nella relazione. «Abbiamo un buon modello quando si tratta di alcol. Consentiamo il consumo di alcol in bar, club e ristoranti, ma le persone sono state addestrate per essere in grado di identificare i segnali di qualcuno che sta prendendo troppo».

 

Stati Uniti

La prima donna di colore apre il suo dispensario della East Coast nel Massachussetts

Il Legal Greens di recente apertura a Brockton, Massachusetts, è il primo dispensario di cannabis di proprietà di donne nere sulla costa orientale.

Il primo dispensario di cannabis per uso adulto di proprietà di donne nere e haitiano-americane sulla costa orientale è stato aperto a Brockton, Massachusetts, riporta l’Enterprise News.

Vanessa Jean-Baptiste di Brockton, che è co-proprietaria di Legal Greens con Mark Bouquet, di Boston, ha dichiarato: «Come haitiani americani di prima generazione, stiamo realizzando i sogni dei nostri genitori di creare una vita migliore per le generazioni future a venire».

Una recente beneficiaria del programma di empowerment economico del Massachusetts -che è stato progettato per aiutare i membri delle comunità che sono state colpite in modo sproporzionato dal divieto di cannabis ad ottenere licenze commerciali di cannabis- Jean-Baptiste ha detto che voleva aiutare a rivitalizzare il centro della città in cui è cresciuta. Legal Greensè il secondo dispensario situato nel centro di Brockton.

«Voglio portare la vita in centro. Voglio essere la prima persona in centro a creare qualche cambiamento», ha affermato Jean-Baptiste, tramite Enterprise News.

Per aiutare a far iniziare le cose, alla società è stato concesso un prestito di $100.000 in contanti e $150.000 in prodotti dalla catena di cannabis al dettaglio di cannabis Theory Wellness, con sede nel Massachusetts e nel Maine. Legal Greens ha utilizzato il prestito per ristrutturare un ex edificio commerciale di proprietà dell’attivista haitiano Fred Fontaine.

Jean-Baptiste ha detto che spera di espandere l’attività per coprire sia la coltivazione che la produzione di cannabis in futuro. L’azienda intende anche aiutare le persone appena liberate dal carcere a rientrare nella società.

«Speriamo di ispirare i residenti neri e marroni a Brockton e in tutto il paese a perseguire i loro sogni senza sosta perché finché lavori duro e non ti arrendi, tutto è possibile», ha detto Jean-Baptiste a Enterprise News.

 

Stati Uniti

Le vendite di cannabis nel giorno di San Patrizio raggiungono il top di 89 milioni di dollari

Il giorno di San Patrizio è stato il più grande giorno di vendite di cannabis dell’anno finora con vendite superiori del 50% rispetto alla media del mercoledì.

Il giorno di San Patrizio ha visto le vendite di cannabis più alte finora quest’anno, per un totale di 89 milioni di Dollari negli Stati Uniti, secondo i dati di MJ Freeway delineati da Forbes. Il totale è stato del 50% superiore alla media delle vendite di mercoledì fino ad ora quest’anno.

Dal giorno di San Patrizio a venerdì, le vendite di cannabis hanno superato i 230 milioni di dollari, afferma il rapporto.

L’aumento potrebbe essere dovuto non solo alle festività ma anche al più recente ciclo di controlli di stimolo legati alla pandemia che ha iniziato a colpire i conti bancari il giorno di San Patrizio.

Jessica Billingsley, CEO di Akerna, proprietaria di MJ Freeway, ha affermato di essere «sbalordita dai dati di vendita».

«Storicamente, non abbiamo assistito a grandi urti o cambiamenti nel giorno di San Patrizio, ma abbiamo assistito a salti nelle vendite la scorsa primavera, in mezzo ai primi pagamenti di assegni di stimolo. Per questo motivo, mi aspettavo di vedere un aumento delle vendite da questi assegni più grandi, ma certamente non mi aspettavo di vedere il più grande giorno di vendite di quest’anno», ha affermato Billingsly a Forbes.

Billingsly ha anche predetto un altro giorno da record il prossimo mese a causa del 20 aprile o 4/20.

MJ Freeway ha riscontrato un aumento del 45% nelle vendite di fiori, un aumento del 32% nelle vendite di vaporizzatori, un aumento del 13% nelle vendite di concentrati e un aumento dell’8% nelle vendite commestibili.

Secondo i dati, i clienti di età compresa tra 30 e 41 anni rappresentavano il 31% delle vendite delle festività, seguiti da quelli sotto i 30 anni con il 28%. Le persone di età compresa tra 40 e 50 anni rappresentavano il 20% delle vendite, con i 50-60 anni il 12%, mentre i clienti di età pari o superiore a 60 anni rappresentavano il 9% delle vendite, ha rilevato il rapporto. La maggior parte dei clienti, il 60%, era di sesso maschile mentre il 40% era di sesso femminile.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->