mercoledì, Settembre 22

Strapaese delle meraviglie .1

0
1 2


Dopo esserci chiesti ‘Cosa abbiamo fatto per meritarceli?’, proveremo alla prossima tappa del nostro viaggio a rispondere. ‘Cosa abbiamo fatto per meritarceli‘. A partire dal fatto che la responsabilità è per opere ed omissioni (oltre che pensieri), nostra, di tutti, pur in dimensioni radicalmente diverse. Ed in effetti abbiamo fatto la cosa più grave. Non avere rispetto degli altri, e quindi di noi stessi, ritenendo che il ‘Tengo famiglia‘ fosse giustificazione a tutti i comportamenti, e non una spinta forte a comportarsi con rigore, ché ai familiari occorre rispondere della propria  virtù. E abbiamo ritenuto, tutti e ciascuno, che il fine giustificasse i mezzi e non che i mezzi prefigurassero il fine, e quindi un mezzo cattivo condurrà inevitabilmente ad una disastrosa eterogenesi dei fini. Abbiamo fatto di tutto. E di più. Con le nostre mani. E quindi ce li meritiamo. Se morettianamente “Ve lo meritate Alberto Sordi”, ci meritiamo, ahimè, anche e purtroppo, tutti questi altri.

La abituale scansione, quotidiana e di prospettiva, che manteniamo, servirà  del caso ad indicare fatti ed eventi che corroborino, o magari no, i racconti del nostro viaggio in questo caro insopportabile, irresistibile strapaese delle meraviglie.

 

E dunque, ecco passata un’altra settimana di questo Luglio 2015

da Lunedì 20 a Venerdì 24 Luglio

Lunedì 20

Martedì 21

Mercoledì 22

Giovedì 23

Venerdì 24

Poi vengono

Sabato 25 e Domenica 26

Quindi la prossima settimana

da Lunedì 27 a Domenica 2 Agosto

 

E così, tra una cosa e l’altra, ci troviamo verso la fine pure di questo Luglio 2015 che, come tutti gli altri mesi, e giorni, ed anni, non tornerà mai più, purtroppo o per fortuna. Ché, per rimanere al tema del nostro strapaese, chiunque di noi può a volte aver pensato o detto, “Io non mi sento italiano”, rispondendosi “ma per fortuna o purtroppo lo sono”. Per fortuna o purtroppo. Per fortuna.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->