martedì, Dicembre 7

StraniMondi: editoria fantastica in crowdfunding

0
1 2 3


Ventidue piccoli e micro editori italiani di narrativa fantastica uniti in un’unica manifestazione: un importante risultato ottenuto con la prima edizione di StraniMondi, un evento finanziato attraverso crowdfunding che si è svolto lo scorso 10 e 11 ottobre a Milano.

Ospitata nei locali e con il supporto organizzativo dell’UESM (Università Europea degli Sport della Mente, associazione milanese che unisce svariati club dedicati ai giochi da tavolo), la manifestazione era articolata secondo una formula insolita per l’Italia: uno spazio centrale a ingresso gratuito, in cui gli Editori esponevano i loro libri; e due sale cui si poteva accedere pagando il biglietto di ingresso, una dedicata a presentazioni di libri in uscita, l’altra a conferenze su vari temi della narrativa fantastica, con la partecipazione di numerosi autori. Tra questi il texano Bruce Sterling, star della fantascienza che da tempo risiede nel nostro Paese; la scrittrice franco-vietnamita Aliette De Bodard; e l’italiano Leonardo Patrignani, autore di grande successo con la serie ‘Multiversum’. Laird Barron ha, invece, partecipato in collegamento video dall’Alaska. Era anche possibile prenotarsi per delle chiacchierate tra pochi intimi con gli autori intorno a un tavolino (designate con il termine tedesco ‘Kaffeeklatsch’).

A lanciare l’idea della manifestazione è stata Hypnos, piccola casa editrice milanese dedicata al recupero dei classici della narrativa ‘weird’. A formare il nucleo iniziale di organizzatori si sono poi uniti Zona 42, editore modenese specializzato in fantascienza, con alle spalle un’esperienza di crowdfunding editoriale, e Delos Books di Milano, che ha portato in dote la sua capacità di contattare gli appassionati (pubblica le maggiori testate online italiane dedicate a fantascienza e fantasy) e la sua esperienza in materia di organizzazione di eventi dal vivo.
L’idea mi è venuta perché si sentiva la necessità di un punto d’incontro tra pubblico ed editoria del fantastico, per mostrare che questa, anche se formata in gran parte da piccole realtà, è comunque molto viva“, ci ha detto Andrea Vaccaro di Hypnos. “E il modo giusto per ottenerlo era secondo me quello di unire convention e mostra libraria, una formula che all’estero è molto comune ma che in Italia era stata abbandonata da tempo“.

Il risultato è stato unanimemente considerato molto positivo. Si sono registrati circa 400 visitatori paganti, gran parte dei quali sono stati presenti in ambedue le giornate della manifestazione. Ma soprattutto, gli Editori sono stati molto contenti di trovarsi di fronte un pubblico competente e preparato, che sapeva cosa cercare e comprava libri a colpo sicuro. “Abbiamo cercato di fare qualcosa di mai tentato prima, facendo convergere una gran parte dei piccoli editori specializzati in fantastico e fantascienza“, ci ha spiegato Silvio Sosio di Delos Books. “Ben 22 case editrici. E il risultato è andato oltre le più ottimistiche previsioni. Tutti contenti, gli Editori che hanno esposto e presentato e i partecipanti che hanno scoperto tanti libri. La nostra idea era di fare una manifestazione ogni due anni, ma dopo averla ‘provata’ tutti insistono per farci tornare già l’anno prossimo. Dobbiamo fare un bilancio, verificare i problemi (pochi) che ci sono stati, capire come migliorare, poi decideremo cosa fare, ma certamente credo sia una ottima base per costruire qualcosa che possa diventare un appuntamento fisso e importante per il mondo della letteratura fantastica“.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->