domenica, Ottobre 24

Strage San Bernardino, Obama: 'Sparatorie, Congresso agisca' field_506ff510725be

0

14 morti e almeno 17 feriti. Questo il bilancio della sparatoria avvenuta ieri intorno alle 11 in California, a San Bernardino. Tre persone, armate e in uniforme, sono entrate in un centro per disabili durante la festa di Natale dei dipendenti aprendo il fuoco per poi fuggire a bordo di un Suv. Uccisi due dei killer: uno si chiamava Syed Farook, un cittadino americano di religione musulmana. Si tratta dell’ennesimo episodio di violenza negli USA: solo una settimana fa un uomo in Colorado era entrato in una clinica abortista e ha ucciso tre persone, tra cui un poliziotto.

Il presidente Barack Obama, rientrato da Parigi, ha seguito la vicenda e ha sentenziato: «Troppe sparatorie, basta. Il Congresso deve fare di più per prevenire la violenza delle armi da fuoco». Con questa infatti salgono a 355 le vittime in 336 giorni nel Paese a causa di sparatorie, secondo le ultime statistiche pubblicate dal WSJ. Un record negativo che supera anche le annate record del 2013 e 2014. Inoltre la sparatoria di San Bernardino è la peggiore dal dicembre 2012, quando il giovane Adam Lanza entrò nella scuola elementare ‘Sandy Hook’ a Newtown (Connecticut) e uccise 20 bambini e 6 adulti. «Abbiamo una no-fly list per le persone che non possono salire sugli aerei, ma le stesse persone possono entrare in un negozio e acquistare un’arma», ha aggiunto Obama. «Questa legge deve essere cambiata. C’è una frequenza di sparatorie di massa in questo Paese che non ha uguali in nessun altro posto al mondo». Ma stavolta si passerà all’azione o la questione armi negli Stati Uniti rimarrà ancora tabù?

(video tratto dal canale Youtube di France24)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->