martedì, Settembre 28

Storia e noia, qui da noi

0

Rimpasto di Governo, debolezza di Governo, azione di Governo, Family Day, Family Gay, Alfano, Renzi, Berlusconi, Salvini, Grillo e se vogliamo anche Vendola, Cantone, Gratteri, il gioco dei due cantoni ed i quattro lucrosi Cantoni svizzeri, Sala, Balzani, Majorino, Mussolini (Alessandra, ma anche l’indimenticato Benito), azzurri, verdi, rossi, bianchi e Dorina Bianchi che è già Sottosegretaria da più di una settimana e sempre nello stesso partito (record personale), Cuffaro e Ciancimino (Massimo ma anche l’indimenticato Vito), Gelmini e Carfagna, le spoglie miracolose di Padre Pio e quelle di Freak Antoni, Giovanardi e Vladimir Luxuria, Fassino e Fassina, e ancora famiglia Sgarbi (padre novantacinquenne, e figlia e figlio), famiglia tradizionale, famiglia criminale, storie maledette e maledette storie, elezioni comunali ed elezioni non comuni, primarie, secondarie, terziarie francescane, trans di pessimo gusto (in ogni senso) travestite da suora ma ancor peggio chi istiga e dà corda, corda a strangolare un attore maldestro o troppo triste, e poi, di nuovo, laghi, fiumi, boschi e Boschi, banche e Commissioni d’indagine stanche, e insomma sempre attorno alle solite cose siamo, a vedere e narrare, e qualche volta perfino a cercare di capire ammesso che ci sia qualcosa da capire, ma in fondo ed anche in cima non c’è niente, proprio niente da capire che già non sia evidente, di quell’apparenza da cui solo i superficiali rifuggono.

E allora visto che tutto si ripete più o meno sempre uguale, con qualche rara eccezione tipo il mai deludente Gasparri che pensi sia impossibile che a tempo e luogo riesca a tirarne fuori un’altra peggiore di quella precedente e invece quando ti aspetti abbia raggiunto il massimo dimostra che un vero artista sa raggiungere vette sempre più impervie, impensabili per chi non ne abbia la trascendente grandezza, però lui, Elton John e pochi altri, è allora che in questo benedettomaledetto strapaese delle meraviglie davvero ti accorgi che la storia se si presenta la prima volta come tragedia e la seconda come farsa, da lì in poi è noia. A viverla ed a volte, pur con tutto lo sforzo che si faccia, a raccontarla…

E, dunque, in questo Febbraio 2016

da Lunedì 1 a Venerdì 5

 

Lunedì 1

Comincia il mese dal Lunedì. Che almeno dà l’idea di un certo ordine.

Martedì 2

Iniziano i voti al Senato sulle Unioni delle persone.

Mercoledì 3

Arriva a Roma anche ‘San’ Padre Pio. Contrariamente alle attese lo devono portare, la prossima volta però ha assicurato che prende un treno e non reca disturbo.

Giovedì 4

Tante cose…

Venerdì 5

Francesco e il Patriarca di Mosca, Kirill, annunciano che si incontreranno il 12 Febbraio a Cuba. Ma questa è gente seria, ed anzi ci scusiamo se li abbiamo coinvolti nel nostrano ridicolo circo.

E poi

Sabato 6 e Domenica 7

Sabato e Domenica, come al solito.

E la prossima settimana

da Lunedì 8 a Domenica 14 Febbraio

Ancora dibattito e voti sulle Unioni Civili, ma probabilmente si finisce (almeno il primo giro) la settimana successiva. Per il resto si recita a soggetto.

 

E così ecco iniziato anche questo Febbraio 2016, che non tornerà mai più. Purtroppo o per fortuna che sia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->