mercoledì, Ottobre 27

Stéphanie Argerich filma il ritratto dei genitori

0

Il film ‘Bloody Daughter‘ di Stéphanie Argerich è il ritratto intimo e tenero dei suoi genitori, i leggendari pianisti Martha Argerich e Stephen Kovacevich, uscito nel Regno Unito già dal 1 maggio scorso. Stéphanie, figlia minore di Argerich, ha filmato la madre da quando era un adolescente, e da ciò emerge un’analisi onesta delle sfide nella crescita dei figli, su come conciliare maternità e carriera artistica, sviluppo personale e vita di coppia, oltre ad un affascinante studio di una coppia formata da due dei più grandi pianisti del mondo, inoltre anche un confronto toccante sul rapporto tra la madre “dea”, famosa e celebre, e le sue tre figlie. Un’incursione emozionante al centro della galassia Argerich, una famiglia matriarcale fuori dal comune. Questo è in sintesi la trama del film di Stephanie Argerich su e con Martha Argerich e Stephen Kovacevich, presentato già nel 2012 anche alla Festa Internazionale del Film di Roma. 

«Essere la figlia di due giganti della musica non è stato facile. Il cammino dell’affermazione personale è senza dubbio più disseminato di ostacoli, rispetto a quello di un uomo o una donna qualsiasi. Cresci con modelli sproporzionati, divorati da una passione che non lascia molto spazio alla vita familiare. In questo viaggio al centro di un complesso di relazioni affettive, la musica è un’alleata fidata, una porta aperta sul ricco e tormentato mondo interiore di due grandi artisti. Ascoltarli suonare, parlare con loro della loro musica, vale a ottenere un accesso diretto sulle loro emozioni, anche le più profonde. In apparenza questo film sembra una resa dei conti,  ma in realtà è un tentativo di riconciliazione, il tentativo di adottare una posizione di parità rispetto ai miei genitori, di entrare nel loro mondo,cercando il modo migliore per condurli all’interno del mio» così Stephanie Argerich ha commentato il suo film.

(tratto dalla sezione video del sito di ‘The Guardian‘)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->