martedì, Maggio 11

Stepchild adoption field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Io, comunque…”,  dice,  “…questa cosa della Stepchild adoption non l’ho capita. Che polemica c’è se prima di questo decreto di legge già esisteva? Ma soprattutto, perché ha un nome inglese?”.
Faccia conto che si vuol tutelare le coppie omosex”, abbozza l’Assessore alle Politiche Giovanili Abbozzo “per cui si immagini il polverone sollevato in questo nostro piccolo, cattolico Paese, right?”.

Fuck! Crap! Hogwash!”, replica Pistozzi, che per esternare la propria eterosessualità mostra a tutti una foto in cui insieme a due deputati leghisti va a troie. “A parte che bisogna viver su Marte per litigare su queste cose: ci sono ben altri problemi di cui discutere. I Santi Marò in India, Corona e la sua depressione, i flirt di Aurora Ramazzotti  e, non ultimo, l’assalto delle pantegane alla risaia del Pastruzzi di Paderno Dugnano. Una catastrofe su cui questo Stato mafioso non verserà un solo euro!”.
Ma se finalmente si dibatte di un sacrosanto diritto…”, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
Il diritto di che, di dar una prole a dei culandra?”, fa Pistozzi “Ma se Iddio Barbarossa avesse voluto questo avrebbe permesso agli uomini di far figli dal culo! E invece cosa ci esce da lì? Stronzi come te, ecco!”.

Damn right, shit!”, conferma il fantasma di Otto von Bismarck che aleggia sopra i loro capi “Sa che delirio poi! Bambini traviati diventano per forza poi comunisti o terroristi, o, peggio ancora omosessuali a loro volta, goddam! Viva il Reich e viva donna sottomessa che cucina!”.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai, però quando è maltempo gli basta agitarlo verso il cielo che anche le nubi più cupe si diradano. Torna il sereno, il PIL schizza alle stelle e anche il Giappone approva il protocollo di Kyoto.

Bullshit, ecco cosa sento, only bullshit! Per quanto riguarda le adozioni omosessuali voglio solo ricordarvi che queste sono già presenti in Paesi come Porto Rico e Sudafrica!”.

Hell no!”, ruggisce Tano il meccanico, scattando in piedi “Ho affittato un utero in Nigeria, io !”,  e scappa via, dannandosi per essersi fatto turlupinare dal primo imbonitore online che passava. Maledetto lui e le aste virtuali del Terzo Mondo.

Mentre invece negli Usa la legge è stata abrogata in tutti gli Stati ad eccezione del Mississippi. E lo sapete perché?”.
Perché sono tutti impegnati ad ammirare l’omonimo fiume?”, prova l’ambientalista Pozzi.
Perché gli incappucciati sono solo eterosessuali?”, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.
But what the fuck are we talking about?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.

Niggers!”, sbotta Pistozzi, pigiando il pugno sul bancone e facendo schizzare per aria due limonate, una soda e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo “La colpa è sempre e solo dei niggers!”.

Il degenero scocca puntale subito dopo: un manipolo di attivisti ‘flower-power’ in tenuta arcobaleno sfonda la porta del bar a colpi di gardenie e sequestra Pistozzi, chiudendolo nei bagni del locale e costringendolo alla visione contemporanea di ‘My beautiful laundrette‘ e ‘Velvet Goldmine‘ con doppiaggio live di Laura Jane Grace. Otto Von Bismarck sentendo le grida dell’amico manda un telefax e in capo a pochi secondi il Ku Klux Klan arriva facendo guizzare torce e kerosene. Prende immediatamente tutto fuoco e Mario cerca di spegnere le fiamme usando il corpo del vecchietto come coperta. Tarocco attende l’arrivo degli idranti e nel frattempo dal fondo del locale si accende una sigaretta.

Fuck you, Sirchia”, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.
Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone nel frattempo è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera c’è ‘L’onore il rispetto 20: revenge”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->