sabato, Novembre 27

Stefania Divertito: da un Ministro all’altro, senza problemi Un piccolo capolavoro per l’inossidabile giornalista campana che è riuscita in una impresa mai riuscita a nessuno e cioè a restare nello stesso posto di nomina politica durante un cambiamento epocale

0

Un piccolo capolavoro per l’inossidabile giornalista campana che è riuscita in una impresa mai riuscita a nessuno e cioè a restare nello stesso posto di nomina politica durante un cambiamento epocale

Ci occupiamo oggi di un emblematico caso di sottogoverno particolarmente interessante: si tratta di Stefania Divertito, già portavoce del Ministro Sergio Costa al Ministero dell’Ambiente.

L’intraprendente e scaltra giornalista campana è riuscita in un piccolo record: è stata confermata dal nuovo Ministro Roberto Cingolani nello stesso ruolo e allo stesso Ministero che, nel frattempo, ha cambiato nome, ora Ministero della Transizione Ecologica.

Un piccolo capolavoro per l’inossidabile Divertito che è riuscita in una impresa mai riuscita a nessuno e cioè a restare nello stesso posto di nomina politica durante un cambiamento epocale.

Lei che su Facebook già da un mese mostrava la faccia triste della traslocanda, con tanto di scatoloni in preparazione, si è subito ringalluzzita e su Linkedin ha tosto mutato il nome al Ministero e tutto è rimasto come prima. Come diceva quel tale, Tomasi da Lampedusa? «Tutto cambia perché nulla cambi». Proprio vero.

Salutato il vecchio Ministro, è passata repentinamente alle cure del nuovo. E pensare che poco prima del defenestramento di Costa i due cinguettavano pubblicamente così: «Stefy…sei la sorella che non ho mai avuto. Sempre vicini e mai lontani. Testa e cuore». E lei di rimando: «Mai lontani», con un tanto di smancerie grafiche reciproche.

Povero Costa. Mai fidarsi dell’incostanza umana e soprattutto dellesorelle’ che, quando c’è il potere di mezzo, tutto passa in secondo piano.

Ma siamo sicuri che lanuovaportavoce di Cingolani saprà fare bene, un po’ perché si è fatta già tre governi nella stessa legislatura, record condiviso solo con Luigi Di Maio, un po’ perché saprà adattarsi allo ‘sviluppista’ Cingolani che è l’esatto opposto di Costa. Intanto che ‘costa’ (scusate il gioco di parole)? La voce non è sua…

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->