martedì, ottobre 23

Stati Uniti: venduto a prezzo record il ‘Salvator Mundi’ di Leonardo Venduto all' asta per 450 milioni di dollari, è l’opera più costosa della storia

0

Un dipinto di Cristo di uno dei più grandi maestri del Rinascimento italiano, Leonardo da Vinci è stato venduto all’asta per 450 milioni di dollari (380 milioni di euro). Il prezzo più alto mai pagato nella storia per un’opera d’arte venduta all’asta. Il dipinto, chiamato “Salvator Mundi”, in italiano “Salvatore del mondo”, è uno dei 20 dipinti esistenti di Leonardo ed era noto per essere ancora nelle mani di un privato. Pare che inizialmente il quadro sia appartenuto al re Carlo I di Inghilterra.

E’ un dipinto su una tavola di legno di 65,5×45 cm risalente al 1500 circa. Ritrae Cristo vestito con abiti rinascimentali, con la mano destra alzata in segno di benedizione mentre quella sinistra regge una sfera di cristallo. Non si è mai concluso il dibattito circa la sua attribuzione così come sembra avvolta nel mistero la sua vicenda.

Partite da 75 milioni di dollari, il tempo per le offerte è stato brevissimo, anzi un vero e proprio record: 18 minuti e 47 secondi di gara e, poi il colpo di martelletto del battitore, Jussi Pylkkanen, Global President of Christie’s, che segnalava che  l’ opera di Leonardo era stata aggiudicata. Ad aggiudicarsela un acquirente anonimo. A fare da intermediario Alex Rotter, co-presidente del Dipartimento di arte contemporanea e del dopoguerra di Christie’s America. 

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore