martedì, Aprile 20

Stati Uniti: Trump mette al bando l’ uso di sette parole Tra queste, "diritto", "diversità", "vulnerabile", "feto"

0

Il Washington Post ha rivelato che l’amministrazione Trump starebbe proibendo al Center for Disease Control and Prevention (Cdc), l’ autorità sanitaria americana che conta 12mila dipendenti ed un bilancio di più di 7 miliardi di dollari, l’uso di sette parole nei documenti del bilancio del prossimo anno. Tra i termini messi al bando, diritto”, “diversità”, “vulnerabile”, “transessuale”, “feto”, “basato sulla scienza”, “basato sulle evidenze. Al posto di queste ultime due frasi, verrebbe suggerito : “basato sulla scienza in considerazione degli standard e dei desideri della comunità”. Ma non per tutti i casi è stata suggerita un’ alternativa. 

Questa decisione ha provocato forti polemiche nell’ ambito della politica e della scienza. Il quotidiano americano avrebbe dato conto di un episodio accaduto ad Atlanta, all’interno di uno dei Centers dell’ autorità sanitaria americana (Cdc) dove una dirigente dei servizi finanziari, Alison Kelly, si sarebbe recata per comunicare il ‘bando’. Increduli sono rimasti i presenti.

Il Presidente Trump non ha però mai negato di considerare la scienza una questione riguardante l’ opinione e non l’oggettività. La notizia ha scatenato la reazione di molti. Planned parenthood, una rete di organizzazioni no profit impegnate nella difesa dei diritti sanitari, che ha twittato che E’ più chiaro che mai: questa amministrazione ha disprezzato la salute delle donne, le persone Lgbt e la scienza sin dal primo giorno“, 

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->