domenica, Agosto 1

Stati Uniti: scandalo molestie, Charlie Rose licenziato dalla Cbs Anche il noto giornalista televisivo accusato di abusi da parte di 8 donne

0

Dopo Weinstein, De Niro ed altri famosi protagonisti di Hollywood, lo scandalo degli abusi sessuali ha travolto un altro volto noto americano, questa volta della televisione. Si  tratta di un famoso giornalista: Charlie Rose. Otto donne, giornaliste anch’ esse, che lavoravano nei suoi programmi o aspiravano ad averne la possibilità lo hanno accusato, raccontando le loro storie al Washington Post, di molestie. 

Ma chi è Charlie Rose? E’ un famoso anchorman di 75 anni, conduttore di uno show personale intitolato “Charlie Rose ”, strutturato come un’ ora di interviste a personaggi di spicco e che va in onda sulla televisione pubblica PBS. Assicura il suo contributo anche ad alcuni programmi della Cbs  tra cui 60 Minutes” e, dal 2012, This Morning” .  Venuto a conoscenza delle accuse, Rose ha emesso immediatamente un comunicato di scuse per i suoi comportamenti. 

Dopo averlo inizialmente sospeso, la Cbs ha poi deciso di licenziarlo. Secondo il New York Times. David Rhodes, Presidente di Cbs News, in una e-mail inviata a tutti i dipendenti all’azienda, avrebbe reso noto che la motivazione della decisione del licenziamento di Charlie Rose, accusato di un “comportamento estremamente inquietante e intollerabile”, sarebbe da ricercare nella volontà di difendere la credibilita’ dell’emittente.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->