martedì, ottobre 23

Stati Uniti: morto Charles Manson, uno dei più crudeli serial killer In carcere dal 1971 per scontare l'ergastolo, si sarebbe spento per cause naturali ieri sera (questa mattina, ora italiana)

0
E’ morto a 83 anni, all’ ospedale Bakersfield, in California,a causa di un’emorragia intestinale, Charles Manson, uno dei più crudeli serial killer della storia americana. Noto come capo della setta conosciuta con il nome di «Family»,  si era reso responsabile, alla fine degli anni Sessanta, dell’ assassinio della giovane moglie di Roman Polanski, Sharon Tate e di altri quattro suoi amici. Manson era stato condannato a sette ergastoli, tanti quante le sue vittime.
Charles Manson viene alla luce a Cincinnati nel 1934 da una prostituta sedicenne. L’ infanzia è difficile e fin dall’ adolescenza Carles compie reati e all’ età di sedici anni finisce in riformatorio. Di nuovo libero, incontra l’infermiera Rosalie Jeans Willis, che sposa poco dopo. Riceve una seconda condanna per «trasporto di donne da uno stato all’altro a scopo di prostituzione» e durante i dieci anni di detenzione studia chitarra oltre che esoterismo e magia nera. 
Dopo essere stato rilasciato su cauzione nel 1967, inizia  a viaggiare per gli Stati Uniti, in compagnia di un gruppo di giovani, che lo considerano quasi un capo religioso – Manson, peraltro, credeva di essere la reincarnazione insieme di Gesù Cristo e di Satana – a bordo di un autobus scolastico dipinto di nero. Il gruppo venne ribattezzato «La famiglia» o «The Manson Family»: furti e rapine, uso di droga, sesso di gruppo, atti di razzismo nei confronti dei neri sono all’ ordine del giorno
La svolta ha luogo il 9 agosto 1969 quando avviene l’irruzione a Cielo Drive, uno dei quartieri più famosi e benestanti di Los Angeles, con l’ intento di entrare nella villa del regista Roman Polanski e della giovane consorte, l’attrice Sharon Tate, all’ottavo mese di gravidanza. La sera del 9 agosto Polanski non è presente, ma si trova a Londra dove sono da poco terminate le riprese di «Rosemary’s Baby». Erano, invece, presenti anche il parrucchiere dell’attrice Jay Sebring, Abigail Folger e Voityck Frykowski, il fidanzato della Folger. Nemmeno Charles Manson era presente al compimento del massacro, nonostante fosse lui il mandante. A compiere gli omicidi,  Charles «Tex» Watson,Linda Kasabian, Patricia Krenwinkel  Susan AtkinsIl giorno seguente altri due delitti: vennero uccisi l’imprenditore Leno LaBianca e sua moglie Rosemary, L’ultimo delitto attribuito a Manson e alla sua setta fu quello di un componente della stessa «famiglia» Donald Shea, colpevole di aver contratto matrimonio con una donna nera. 
 (Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore