lunedì, Maggio 17

Stati Uniti: è morta Barbara Bush Negli ultimi tempi era stata più volte ricoverata, a causa di alcune complicazioni polmonari e cardiache.

0

L’ex first lady Barbara Bush è morta all’età di 92 anni. Negli ultimi tempi era stata più volte ricoverata, a causa di alcune complicazioni polmonari e cardiache. Recentemente, la situazione si era aggravata e aveva deciso di rinunciare a tutte le cure e di tornare a casa dove è morta circondata dalla sua famiglia.«Ci ha tenuti in punta di piedi e ci ha fatti ridere fino alla fine. È stata una fantastica first lady ed una donna che come poche altre ha portato leggerezza, amore e alfabetizzazione a milioni. Per noi è stata molto di più. Sono stato un uomo fortunato per il fatto che Barbara Bush era mia madre» ha dichiarato il figlio, George W. Bush.

«Barbara Bush è stata una donna eccezionale. Con grinta e grazia, cervello e bellezza ha difeso la sua famiglia gli amici e gli Stati Uniti d’America», ha detto l’ex presidente democratico Bill Clinton.

«Siamo grati a Barbara per la generosità che ci ha sempre accordato mentre eravamo alla Casa Bianca ma ancora di più per la sua vita, una testimonianza che il pubblico servizio è una vocazione importante», hanno scritto Barack e Michelle Obama. È stata «moglie, madre, nonna, sposa militare» come un “difensore della famiglia americana“, ha detto Donald Trump

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->