domenica, Aprile 18

Stati Uniti: le donne tornano in piazza contro il Presidente La “marcia delle donne” torna nelle piazze e nelle strade d' America dopo un anno,  'celebrando' il primo anniversario della presidenza Trump. 

0

La “marcia delle donne” torna nelle piazze e nelle strade d’ America dopo un anno,  ‘celebrando’ l’ anniversario della presidenza Trump. Ecco tornare i berretti rosa, simbolo della contestazione che un anno fa mobilitò milioni di donne in tutto il mondo. A Washington il raduno è a metà mattinata presso il Lincoln Memorial con l’ obiettivo di raggiungere la Casa Bianca.  Non mancano gli slogan a favore dell’immigrazione, della protezione dei “Dreamers”, dell’ uguaglianza salariale delle donne e di contestazioni alle politiche anti-aborto dell’ amministrazione.

A far crescere l’ ‘onda rosa’ anche l’hashtag #metoo, movimento eletto dalla rivista Times , “Persona dell’ anno 2017”. «Per cambiare il sistema dobbiamo cambiare gli attori, portare più donne al tavolo» ha detto la senatrice democratica Kirste Gillilbrand. «Adesso possiamo assicurare che le nostre figlie, nipoti e pronipoti cresceranno con la mentalità che se tocchi una di noi, tocchi tutte»  ha dichiarato l’attrice Olivia Munn.

Dalla Casa Bianca, il presidente Trump twitta: «Tempo magnifico in tutto il nostro grande Paese, giornata perfetta per tutte le donne in marcia. Andate e celebrate il successo economico senza precedenti e il benessere realizzato negli ultimi 12 mesi. Il più basso livello di disoccupazione femminile in 18 anni!».

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->