domenica, Giugno 13

Stati Uniti: ecco Spot Mini, il cane robot più realistico di sempre Realizzato dal Boston Dynamics, si comporta come un vero 'amico a quattro zampe'

0

La Boston Dynamics ha realizzato SpotMini, un cane robot che non è così orribile come il suo predecessore. La prima versione del SpotMini, che è stata proposta nel giugno del 2016, era molto inquietante, del tutto simile ad una gru per via del lungo braccio meccanico. Questo esemplare è in grado di fare lavori domestici, giocare. Questa volta, la Boston Dynamics ha eliminato il braccio meccanico e ha celato gli ingranaggi dietro alcune piastre gialle brillanti, così da renderlo  più gradevole agli occhi. Anche il colore suscita tenerezza e affettuosità. 

Quello che balza all’ attenzione è sicuramente la capacità del quadrupede robotico di compiere movimenti più fluidi. A riprova del fatto che la robotica sarà sempre più centrale nel prossimo futuro, basta ricordare che l’ azienda giapponese SoftBank ha acquisito Boston Dynamics insieme a Schaft. “Credo che la robotica sarà più grande di Internet“, ha detto Marc Raibert, Amministratore delegato e fondatore di Boston Dynamics. Tra gli altri robot ideati da Boston Dynamics ci sono Handle Atlas. Non va dimenticato che nell’ ultimo periodo è stato rilanciato dalla SONY  il cane robotico ‘Aibo, che, al pari di SpotMini, riproduce quanto più fedelmente possibile il carattere e l’ agire di un ‘vero amico a quattro zampe’. Il rilancio sul mercato di Aibo è avvenuto a ben 11 anni dalla sua prima apparizione sul mercato. 

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->