domenica, Settembre 19

Stati Uniti: Deep Orange 7, la MINI del 2025 E' un veicolo creato da 18 studenti della Clemson University con l' ArtCenter College of Design

0

Deep Orange 7” è un veicolo sponsorizzato da BMW Groupcreato da 18 studenti del Centro internazionale per la ricerca automobilistica della Clemson University (CU-ICAR) in collaborazione, per lo styling, con ArtCenter College of Design. Deep Orange 7 è una MINI rinnovata. Per la settima generazione di Deep Orange, gli studenti sono stati sfidati a reimmaginare un veicolo MINI per il mercato degli Stati Uniti premium per il 2025 e oltre. Gli studenti dovevano determinare quali caratteristiche innovative si sarebbero adattate al marchio MINI e di come queste innovazioni sarebbero state integrate nel veicolo.

«Il veicolo è un enorme passo avanti e mostra soluzioni molto interessanti. La mia più grande domanda durante il progetto è stato il motivo per cui un corso come questo non è stato offerto quando ero uno studente» ha detto Julian Weber, a quel tempo responsabile dell’innovazione Progetti E-Mobility presso BMW a Monaco, in Germania.

Un innovativo design aperto con un cruscotto mobile crea un unico spazio in tutto il veicolo, chiamato MINI Open. La cappa tradizionale è sostituita da un parabrezza che arriva fino alla parte anteriore del veicolo ed è facilmente sollevabile. Al suo interno, possono essere lasciati i pacchi degli articoli acquistati. Possono essere controllati o custoditi in modo sicuro con Origami Storage, una soluzione aftermarket intelligente e personalizzabile. Il cliente può scegliere tra il motore a combustione interna, ibrida o solamente elettrica.

Un compagno virtuale personale personalizzabile, MINI FACE, sostituisce il convenzionale gruppo di strumenti statici. MINI FACE anticipa le esigenze del guidatore e presenta informazioni rilevanti su un display olografico. Quando parcheggiata, il concetto MINI Parking Marshal utilizza le proprie luci esterne per guidare gli altri conducenti che si parcheggiano davanti o dietro di esso. 

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->