giovedì, Ottobre 28

Stati Uniti: crisi oppiacei, la città di New York fa causa alle case farmaceutiche La causa da 500 milioni di dollari è stata presentata alla Corte Suprema dello Stato di New York per metter fine all' epidemia

0

La città di New York ha fatto causa ad alcune case farmaceutiche che producono antidolorifici e analgesici che avrebbero contribuito a scatenare una vera e propria crisi degli oppiacei, con un forte aumento di dipendenza e morti per overdose. La causa da 500 milioni di dollari è stata presentata alla Corte Suprema dello Stato di New York per mettere fine a questa crisi. «Negli ultimi anni morti per overdose più di quelle per omicidi e incidenti stradali messi insieme. Quando vinceremo la causa, useremo quei soldi per la prevenzione e per impedire a tantissime persone di diventare dipendenti da queste sostanze» ha detto il sindaco Bill De Blasio

«Le grandi case farmaceutiche hanno contribuito ad alimentare questa epidemia smerciando ingannevolmente queste pericolose medicine e facendo finire nella loro rete milioni di persone» ha aggiunto De Blasio. Lo stesso Donald Trump aveva definito la crisi degli oppiacei un’ “emergenza sanitaria nazionale” che è costata la vita a diverse migliaia di persone solo nel 2016: sono decedute per overdose da oppiacei più di 40mila persone e il 40% di queste morti, è stata causata da farmaci venduti con ricetta. Tra le aziende farmaceutiche citate in giudizio, Purdue Pharma, Janssen, Endo, Cephalon, Teva.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->