sabato, Luglio 24

Stati Uniti: arriva Biden, il Dipartimento per l’Agricoltura produce la legge definitiva sulla canapa Rassegna stampa canapa e cannabis nelle testate estere dal 18 al 22 Gennaio

0

L’USDA ha reso pubblico il testo definitivo della legge relativa alla coltivazione della canapa. Tra le modifiche più rilevanti introdotte tra la norma provvisoria iniziale e quella finale: il margine di errore per il test THC aumenta da un totale dello 0,5% all’1%. La finestra di raccolta è stata aumentata da 15 giorni a 30 giorni di calendario dopo il campionamento, per tenere conto di variabili quali test, condizioni meteorologiche, pratiche agricole e ritardi delle attrezzature. Nuove opzioni per lo smaltimento o il rimedio dei test sulla canapa superiori allo 0,3% di THC. Il Governatore del Michigan Gretchen Whitmer (Democratico) la scorsa settimana ha firmato un disegno di legge che consente ai proprietari di animali domestici di discutere l’uso di cannabis e canapa industriale per i loro animali domestici con i veterinari. La Louisiana sta aprendo il suo periodo d’applicazione 2021, come confermato -peraltro- da ‘Associated Press’ in un proprio report. E’ il secondo anno nel quale la Louisiana acconsente la coltivazione di canapa secondo specifiche applicazioni permesse sul proprio territorio.

 

Stati Uniti

L’SDA finalmente emette la legge definitiva sulla canapa

Il Dipartimento USA dell’Agricoltura ha finalmente reso pubblico il testo della legge sulla coltivazione della canapa in tutta la Confederazione

È stata una strada piuttosto lunga e accidentata fino a questo punto. La norma finale provvisoria sulla canapa è stata pubblicata alla fine di ottobre 2019, seguita da una serie di consultazioni e modifiche derivanti da tale feedback.

«Il personale dell’USDA ha preso le informazioni che hai fornito attraverso tre periodi di commento e dalle tue esperienze durante una stagione di crescita per sviluppare regolamenti che soddisfino gli intenti del Congresso fornendo un processo equo, coerente e basato sulla scienza per stati, tribù e singoli produttori», ha affermato il Sottosegretario Greg Ibach ai programmi di regolamentazione e marketing dell’USDA.

Tra le modifiche particolarmente significative introdotte tra la norma provvisoria iniziale e quella finale:

• Il margine di errore per il test THC aumenta da un totale dello 0,5% all’1%. Le piante che testano oltre lo 0,3% dovranno ancora essere distrutte (o riparate in un modo consentito), ma il livello di una «violazione negligente” che alla fine potrebbe comportare accuse di droga se si ripresenta è stato aumentato all’1%. Anche all’1%, la canapa non avrebbe ancora valore ricreativo.

• La finestra di raccolta è stata aumentata da 15 giorni a 30 giorni di calendario dopo il campionamento, per tenere conto di variabili quali test, condizioni meteorologiche, pratiche agricole e ritardi delle attrezzature

• Nuove opzioni per lo smaltimento o il rimedio dei test sulla canapa superiori allo 0,3% di THC – quelli che sono noti come «raccolti caldi». Sebbene la potenza del THC dovrà ancora essere determinata in un laboratorio certificato dalla DEA, ciò non avrà effetto fino alla fine del prossimo anno, a riconoscimento della mancanza di tali strutture attualmente.

Commentando il rilascio ufficiale del testo di legge, il partner e presidente del dipartimento di canapa e cannabinoidi dello studio legale Vicente Sederberg LLP Shawn Hauser ha affermato che il rilascio della legge finale è stato un «passo storico» e ha indicato che l’USDA ha fornito un feedback significativo fornito dalle parti interessate. Ce n’erano sicuramente in abbondanza, con l’USDA che ha ricevuto circa 5.900 commenti.

«Molti sono giustamente delusi dal ruolo continuato (e in qualche modo ampliato) della DEA nel programma per la canapa agricola, ma ci sono stati anche una serie di miglioramenti positivi», ha affermato il signor Hauser.

Le modifiche alle regole finali della canapa USDA possono essere trovate qui.

 

Stati Uniti

Il Governatore del Michigan firma la legge che permette ai veterinari di valutare la applicazione di cannabinoidi con i propri clienti

Ora i veterinari del Michigan sono abilitati a discutere di cannabinoidi e sul loro eventuale uso così come dei prodotti industriali ottenuti dalla lavorazione della canapa con i propri clienti all’interno di una legge che è stata firmata la scorsa settimana.

Il Governatore del Michigan Gretchen Whitmer (Democratico) la scorsa settimana ha firmato un disegno di legge che consente ai proprietari di animali domestici di discutere l’uso di cannabis e canapa industriale per i loro animali domestici con i veterinari, riferisce l’Oakland Press. È interessante notare che il testo del disegno di legge afferma semplicemente: «Un veterinario può consultare un proprietario sull’uso di marijuana o canapa industriale su un animale del proprietario» e definisce «marijuana» e «canapa industriale», lasciando la possibilità ai proprietari di animali domestici di discutere di qualsiasi cannabinoide, incluso il THC. Durante la testimonianza dello scorso anno a sostegno delle riforme, il Rappresentante di Stato Greg Markkanen (Repubblicano), sponsor della legge, ha affermato che la misura «si assicurerà che … i veterinari siano in grado di avere conversazioni aperte e oneste sui prodotti, in modo che i proprietari di animali domestici del Michigan possano prendere decisioni ben informate in merito cosa è meglio per i loro animali».

La dottoressa Kellie Holmstrom, una veterinaria di Marquette, ha testimoniato che senza la legislazione, i veterinari “non erano legalmente in grado” di discutere con i loro clienti sull’uso di cannabis e canapa per i loro animali domestici.

«Penso che abbiamo tutti lo stesso obiettivo: vogliamo avere animali domestici sani e felici. Ecco perché ho chiesto al rappresentante Markkanen di portare avanti questo disegno di legge in modo che possiamo chiarire la situazione con i veterinari riguardo a questi prodotti», ha affermato. Holmstrom durante la testimonianza di gennaio 2020 alla Commissione per l’Agricoltura della Camera.

Secondo la società di ricerche di mercato sulla cannabis Brightfield Group, la spesa per il CBD per animali domestici ha raggiunto $ 31 milioni nel 2018 ed è aumentata a $ 321 milioni l’anno successivo – un picco del 946%. L’azienda stima che il mercato crescerà fino a 1,7 miliardi di dollari entro il 2025.

 

Stati Uniti

Gli studenti del K-12 della Pennsylvania saranno istruiti sui benefici della canapa

Gli studenti del K-12 in Pennsylvania Farm Show del prossimo anno impareranno a conoscere la plastica realizzata con materiali sostenibili, inclusa la canapa. Lo spettacolo a tema “Coltivare il domani” si è tenuto in connessione virtuale dal 9 al 16 gennaio.

Come parte delle dimostrazioni quotidiane al Pennsylvania Farm Show del prossimo anno, gli studenti K-12 hanno imparato a conoscere le materie plastiche realizzate con materiali sostenibili, compresa la canapa. Lo spettacolo ha compreso anche informazioni sulla coltivazione di piante con coltura idroponica.

Il Farm Show 2021 si è tenuto in pratica dal 9 al 16 gennaio a causa della pandemia di coronavirus. Il suo tema è stato Coltivare il domani“. Il Segretario all’Agricoltura Russell Redding ha affermato che lo spettacolo «offre esperienze di apprendimento ed esposizione a un settore in crescita con opportunità gratificanti del mondo reale». «Ovunque tu sia nel tuo percorso di carriera, sia che tu stia cercando apprendimento pratico, ispirazione professionale o semplicemente desideri saperne di più sul tuo cibo e sulle sfide che devono affrontare coloro che lo producono – il 2021 Virtual Farm Show offrirà opportunità apprendere e impegnarsi con l’agricoltura e con la scienza, la tecnologia e l’ingegneria che la guidano», ha affermatoRedding in un comunicato stampa.

Non è la prima volta che la canapa è stata presente alla vetrina dell’agricoltura sponsorizzata dallo Stato; Lo spettacolo di persona dello scorso anno aveva in vendita prodotti di canapa, tra cui tè e lettiera per gatti, secondo PennLive. Lo spettacolo aveva anche una mostra sulla canapa che includeva una piccola casa fatta di canapa e un «mobile di canapa».

Nel 2020, il Dipartimento dell’Agricoltura della Pennsylvania ha rilasciato 510 permessi di coltivazione della canapa e il suo primo ciclo di permessi di lavorazione della canapa – 65 in tutto. Lo Stato ha rilasciato le sue prime licenze di coltivazione della canapa nel 2017, per un totale di appena 14 per 36 acri totali.

Il Dipartimento dell’Agricoltura sta attualmente accettando le domande di autorizzazione dell’industria della canapa per il 2021.

 

Stati Uniti

La Louisiana apre il Periodo di Applicazione della Canapa 2021

Il periodo di applicazione per diventare coltivatore autorizzato di canapa in Lousiana è ufficialmente aperto. La Louisiana, quindi, sta aprendo il suo periodo d’applicazione 2021, come confermato -peraltro- da Associated Press in un proprio report. E’ il secondo anno nel quale la Louisiana acconsente la coltivazione di canapa secondo specifiche applicazioni permesse sul proprio territorio.

Il programma statale è iniziato sulla scia del Farm Bill del 2018 che ha rimosso la canapa dall’elenco delle sostanze controllate a livello federale. Ci sono attualmente 160 coltivatori di canapa autorizzati nel programma di canapa altamente regolamentato della Louisiana. I candidati devono effettuare un controllo dei precedenti. Un crimine negli ultimi dieci anni o un reato correlato alla droga negli ultimi due anni squalificherà un richiedente dall’ottenimento della licenza. Le aziende agricole sono fortemente monitorate per assicurarsi che la cannabis ricca di THC non si diffonda nei campi di canapa della Louisiana.

Gli agricoltori della Louisiana sperano principalmente di trarre profitto dalla crescente popolarità del cannabidiolo (CBD) ma la canapa può essere utilizzata per molte altre applicazioni come combustibili, abbigliamento, corde e altri prodotti per la casa. Fino al 2018, la canapa – definita dal Controlled Substances Act come una pianta di cannabis contenente meno dello 0,3% di Delta-9-THC – era coltivata raramente negli Stati Uniti. Il Farm Bill del 2018, tuttavia, ha rimosso la canapa dalla CSA, lasciando spazio a un’industria del CBD in rapida crescita con la domanda in aumento da costa a costa. Forbes riferisce che l’industria del CBD dovrebbe raggiungere i 20 miliardi di dollari entro il 2024. Gli esperti prevedono che la maggior parte dei prodotti di canapa sarà venduta nei negozi al dettaglio piuttosto che nei dispensari nei prossimi anni e, con la diffusione delle leggi sulla cannabis per uso adulto in tutto il Paese, la canapa / Il mercato del CBD continuerà a crescere.

 

Australia

La società australiana ECS Botanics acquisisce coltivatore di cannabis medicale

ECS Botanics Holdings Ltd (ASX: ECS) ha annunciato martedì di aver firmato un accordo che vedrà l’acquisizione di Murray Meds.

Murray Meds ha un impianto di coltivazione e produzione di cannabis medica con licenza situata sul fiume Murray nel Victoria nord-occidentale. Nella più recente e prima stagione di crescita, l’azienda ha prodotto 350 chilogrammi di fiori secchi. L’azienda ha i permessi per la coltivazione e la lavorazione di 3.500 chilogrammi di cannabis medica e attualmente ha un altro raccolto nel terreno.

L’anno scorso, Murray Meds ha ottenuto la certificazione GMP (Good Manufacturing Practices) TGA (Therapeutical GoodsAdministration). L’azienda sembra avere una particolare attenzione alla sostenibilità, seguendo alcuni standard di certificazione biologica.

Nel 2019 ha anche installato un impianto solare da 34kW sul tetto dell’edificio più grande del sito di coltivazione. Per quanto riguarda ECS, ha le licenze necessarie per coltivare, fornire e produrre canapa industriale in Tasmania, insieme a una licenza di coltivatore nel Queensland. La sua fattoria di canapa industriale della Tasmania è anche il sito della struttura per la cannabis medicinale dell’ECS, attualmente in costruzione. ECS Botanics ha anche una partecipazione in TAP Agrico, una società di stoccaggio del grano che ECS utilizza per la logistica, lo stoccaggio e l’essiccazione dei semi di canapa. Commentando l’acquisizione, Alex Keach, responsabile diretto dell’ESC, ha affermato che come gruppo combinato le società si stanno posizionando per diventare il produttore di cannabis più grande e geograficamente diversificato del paese. L’amministratore delegato di Murray MedsNan-Maree Schoerie, che è un ex chimico e ha collezionato più di tre decenni di grandi aziende leader, ha dichiarato:

«Entrambe le organizzazioni sono molto radicate nel loro approccio alla fornitura di cannabis medicinale a prezzi accessibili nel modo più naturale e sostenibile possibile». Al completamento dell’acquisizione, che è soggetta a vari termini e condizioni, la signora Schoerie entrerà a far parte del consiglio di ECS. In altre recenti notizie da ECS Botanics, alla fine del mese scorso la società ha stipulato un accordo con Medipharm Labs Australia in base al quale quest’ultima ha accettato di acquistare fiori di cannabis o estratto di resina grezza da ECS. L’accordo di fornitura entrerà in vigore il 1 ° novembre di quest’anno. La coppia ha anche firmato un accordo di acquisto per il trasferimento di tecnologia delle apparecchiature che sosterrà l’impresa di cannabis medicinale di ECS in Tasmania.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->