lunedì, Settembre 27

Stati Uniti: addio a Verne Troyer, il Mini-me Era diventato famoso interpretando il clone del cattivissimo Dottor Male, prima in "Austin Powers: La spia che ci provava" e poi in "Austin Powers in Golmember"

0

E’ morto all’ età di 49 anni Verne Troyer, il Mini-me, clone del cattivissimo Dottor Male, prima in “Austin Powers: La spia che ci provava” e poi nel sequel del 2002, Austin Powers in Golmember. Nella sua carriera aveva anche interpretato il ruolo di Griphook nel primo film su Harry Potter.  Affetto da nanismo, partendo dalla sua fattoria in Michigan, aveva raggiunto Los Angeles e, nel 1994, ha intrapreso la carriera cinematografica: prima ruoli secondari in film come “Men in black” o “Paura e delirio a Las Vegas”, ma, velocemente, anche grazie ai suoi 81 centimetri, era riuscito a conquistare la vetta del cinema,  Hollywood. Senza, però, mai riuscire a vivere serenamente. Dal 2009 non appariva sugli schermi cinematografici. Soffriva di depressione e qualche giorno fa era stato ricoverato per abuso di alcol.

La morte di Troyer è stata annunciata da un comunicato sul profilo Instagram ufficiale: «È con grande tristezza e con il cuore pesante che scriviamo che oggi Verne è morto». Era «una persona estremamente premurosa» che «voleva sempre far sorridere le persone, renderle felici»: «avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di aiutare chiunque avesse bisogno. Con la sua determinazione e il suo atteggiamento ha ispirato la gente in tutto il mondo. Sui set cinematografici o televisivi, negli spot pubblicitari, in ogni sua apparizione, nei video su YouTube: era sempre lì per mostrare a tutti quello che sapeva fare».

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->