mercoledì, Settembre 22

Starbucks e il suo piano contro lo spreco di cibo

0

Come accade per la maggior parte degli stabilimenti alimentari, Starbucks spreca moltissimo cibo ogni giorno. «Siamo colpiti a livello umano quando vediamo del cibo che è ancora perfettamente buono e che potrebbe sfamare le famiglie bisognose e che invece va sprecato», ha commentato il manager di Starbucks, Jordan Jellison.

Di conseguenza, dopo che molti dipendenti hanno alzato la voce sulla questione, Starbucks ha deciso di prendere provvedimenti. Ebbene, la catena di caffè ora ha un piano: donare il 100% del suo cibo invenduto a vari enti di beneficenza. Il progetto avrà effetto completo entro i prossimi 5 anni.

Molti negozi Starbucks già donavano i loro dolci; alimenti che possono essere facilmente imbustati e lasciati a enti di beneficenza nelle vicinanze. Ma la creazione di un programma per includere oggetti deperibili raccolti da migliaia di negozi a livello nazionale è stata una grande sfida. A tal riguardo, Jane Maly, il Starbucks Food Team Brand Manager, ha così spiegato le difficoltà riguardanti questo nuovo progetto alimentare:

«In realtà si avvia qualcosa di molto complesso quando si deve introdurre cibo che deve essere conservato in frigorifero […] Così abbiamo dovuto collaborare con partner come Feeding America che sono veramente esperti nel trasportare in modo sicuro i generi alimentari».

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Wochit Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->