giovedì, Aprile 22

Sri Lanka: il grande successo dei Rajapaksa, un favore alla Cina Mai l’oppositore politico, l’ex Presidente Wickremesinghe aveva subito simile sconfitta

0

Sconfitto nelle urne, sotto attacco dal nuovo vertice presidenziale nazionale. Il 17 agosto scorso è partita – con una sospetta tempestività- un’azione giudiziaria nei confronti dell’ex Presidente Maithripala Sirisena, informato di comparire il 26 agosto scorso presso l’unità di polizia del PCoI per indagare sugli attacchi della domenica di Pasqua il 21 aprile 2019. In precedenza, l’ex primo ministro Ranil Wickremesinghe, che ha subito una schiacciante sconfitta alle elezioni parlamentari, è stato convocato da un nucleo di indagini presidenziali il 18 agosto per registrare la sua dichiarazione sui mortali e drammatici attacchi della domenica di Pasqua.

Gli esiti del voto tenutosi lo scorso 5 agosto in Sri Lanka d’altro canto, sono chiari: il pendolo della Geopolitica dell’Isola-Stato, la Perla dell’Oceano Indiano, pende dichiaratamente verso la Cina. La conferma del duo costituito dai fratelli Rajapaksa, con ampia messe di voti, conferma che l’asse geostrategico volge a favore della Nazione con la quale i due fratelli, in vari modi, hanno stretto cooperazioni e collaborazioni di varia entità. Allo stesso tempo, le urne hanno decretato un altro fattore: mai prima l’ex Premier Ranil Wickremesinghe, aveva subito nella sua esperienza politica una sconfitta così cocente, così profonda da non ottenere nemmeno un seggio per se stesso al fine di auto-rappresentarsi nel Parlamento cingalese. Gli osservatori esperti di cose locali stanno ora valutando cosa accadrà in ambito geo-strategico ma soprattutto -in termini di sviluppo delle cose interne- ora si assisterà alla tanto agognata (da parte dei Rajapaksa) revisione costituzionale che cristallizzerà il potere nelle mani della famiglia Rajapaksa, il che costituirà una specie di sottobosco di relazioni parentali, amicali e di natura utilitaristica che perdurerà a lungo, con l’appoggio del favore popolare.

L’ex Primo Ministro e leader dello United National Party (UNP) Ranil Wickremesinghe, ha fallito persino nell’assicurarsi anche un solo seggio nel Parlamento dello Sri Lanka, per la prima volta in 42 anni di carriera politica. Ranil Wickremesinghe ha perso il suo seggio dopo che lo United National Party ha subito una sonora debacle nelle Elezioni Generali 2020 tenutesi lo scorso agosto. I risultati ufficiali delle Elezioni Generali mostrano l’UNP al quarto posto, fallendo nell’assicurarsi i voti necessari per essere eletti nel Parlamento nazionale. Ha ottenuto un record di 500.000 voti nella precedente tornata elettorale tenutasi nel 2015.

Nella sua intera carriera politica, questa è la prima volta nella quale l’ex Premier Ranil Wickremesinghe non è riuscito ad ottenere un seggio in qualità di membro parlamentare negli 8 Parlamenti che si sono finora avvicendati in Sri Lanka dal 1978. Wickremesinghe è stato a lungo controverso leader dello United National Party fin dal 1994. Sotto la sua leadership, molto membri UNP sono fuoriusciti dal partito ed hanno costituito il Samagi Jana Balawegaya con la guida di Sajith Premadasa per partecipare e porsi come oppositori nelle Elezioni Generali del 2020. Ha anche ricoperto il ruolo di Primo Ministro dello Sri Lanka, cosa che è avvenuta per l’ultima volta nel 2015.

Quella che ormai sembra essere la probabile maggioranza parlamentare decisiva ottenuta dallo Sri Lanka Podujana Peramuna (SLPP, o Partito popolare) nelle recenti elezioni generali della Nazione insulare è destinata a cambiare il suo panorama politico in modi significativi.

L’opposizione politica ai Rajapaksa che era in frammenti prima del sondaggio, potrebbe essere decimata, in base agli impietosi dati ufficiali risultanti dallo spoglio elettorale definitivo.

Quali possono essere i motivi del successo dei Rajapaksa? Sono diversi e su differenti livelli. Innanzitutto, la lotta al Covid-19. Solo tre mesi dopo la sua elezione, il presidente Gotabaya Rajapaksa ha dovuto affrontare una violenta pandemia. Il suo governo, principalmente i suoi funzionari impiegati nella Sanità pubblica con l’aiuto dell’Esercito, ne ha limitato la diffusione, guadagnandosi elogi e buona volontà a livello mondiale e all’interno del Paese. Con il presidente Rajapaksa e il Primo Ministro Mahinda Rajapaksa a guidare la campagna del partito in vista delle elezioni del 5 agosto, ideata dal fratello Basil Rajapaksa – noto per aver abilmente decifrato l’aritmetica dei sondaggi – la loro vittoria era praticamente certa. Solo la sua estensione non lo era. Ma la positiva risposta governativa alla pandemia, un’opposizione debole e frammentata e una campagna a tutto campo, sembrano aver portato il partito sempre più vicino alla sua desiderata maggioranza di due terzi in Parlamento.

Nel frattempo, la principale vittima delle Elezioni Generali 2020 dello Sri Lanka è diventata proprio lo United National Party (UNP), uno dei partiti più antichi dello Sri Lanka, quello guidato dall’ex Premier Ranil Wickremesinghe. La Samagi Jana Balawegaya, guidata da Sajith Premadasa che si è staccata dall’UNP, si è di fatto assicurata meno del 25% dei voti fin dai primi exit poll successivi alle votazioni. Con ciò che restava dello storico Sri Lanka Freedom Party (SLFP) che si è fuso con l’SLPP, i Rajapaksa avevano un’opportunità senza precedenti per consolidare il potere. Cosa che è puntualmente avvenuta.

Riconoscendo in pubblico tutto questo, il Primo Ministro indiano, Narendra Modi è stato tra i primi leader mondiali a chiamare Mahinda Rajapaksa, il cui ex governo è stato ampiamente accusato di inclinazione eccessiva verso la Cina.

In un comunicato stampa, il ministero degli Affari Esteri indiano ha affermato che il signor Modi ha constatato che i risultati delle elezioni indicano “un’impressionante prestazione elettorale” da parte dell’SLPP. I due leader hanno sottolineato l’importanza dei primi progressi in tutte le sfere della cooperazione bilaterale, afferma il comunicato. Inoltre, il signor Modi ha informato il signor Rajapaksa dell’istituzione di un aeroporto internazionale nella città di pellegrinaggio buddista di Kushinagar in India e ha detto che la città non vede l’ora di accogliere presto i visitatori dallo Sri Lanka.

Un altro fattore che è risultato determinante nelle votazioni 2020 in Sri Lanka: il voto Tamil. La Tamil National Alliance ha subito una battuta d’arresto nel Nord e nell’Est, in particolare nel distretto di Jaffna. Sebbene si attenda il conteggio finale, il fatto che abbia ceduto uno spazio considerevole agli alleati del partito al governo e al partito nazionalista tamil All Ceylon Tamil Congress (ACTC) è stato chiaro fin dalle prime battute. Lo Sri Lanka segue un sistema di rappresentanza proporzionale delle elezioni in cui gli elettori segnano fino a tre preferenze nei candidati. Il conteggio totale dei seggi garantiti da ciascuna parte reso noto due giorni dopo il voto ha confermato lo stato delle cose.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->