giovedì, Dicembre 9

Sporting Locri field_506ffbaa4a8d4

0

Al bar di Mario il geometra Zenone sfoglia il quotidiano davanti a un bel caffè brunito.

Caspita“, dice, “e così ieri lo Sporting Locri ha perso 3 a 4“.
Il risultato era il meno“,  abbozza l’Assessore alle politiche giovanili Abbozzo, “cioè, dietro c’è tutta quella brutta storia lì. La ‘Ndrangheta. Le ruote bucate. Le minacce di morte. Oh, ci vogliono le palle“.
Pinzillacchere!“, replica Pistozzi, leghista così accanito che ha fatto metter a testamento che da morto vuole essere cremato e le sue ceneri sparse su Matteo Salvini, “quelli sono solo usi e costumi del sud, tradizioni come la cassoeula o l’ossobuco. Mi dovete spiegare cos’ha avuto sta partita di così speciale che l’hanno trasmessa pure su ‘Rai Sport’!“.
Metaforicamente è stata una risposta contro tutte le mafie…“, obietta il giovane Acido, rapper corrosivo di periferia.
Ma quante storie per un paio di intimidazioni“,  fa Pistozzi, “e poi sono pure cozze, oltre che chiaviche col pallone! Potevano anche trasmettere il derby Real Usmate – Besana in Brianza di curling, allora. Lì sì che ci si eccitava per il gioco!“.

Richtig, schwanz!“, conferma il fantasma di Otto von Bismarck che aleggia sopra i loro capi, “ai miei tempi donne non osava nemmeno pensare sport! Loro fare fagioli, figli e spillare birra da tette kamm schlampe! Viva il Reich e viva Iva Zanicchi!“.

Plaude ironicamente l’ateo apolitico atarassico Arturo, agitando ostentatamente la sua copia de ‘Il Fatto Quotidiano’. Non lo legge mai, ma quando va alla fermata del bus nota che uomini con la pipa lo osservano soddisfatti, sorridendo in modo culturalmente virile  sotto i baffi.
Pecore, capaci solo di belare! Avete la più pallida idea di che razza di conflitti deve sopportare una regione come la Calabria?
No!“, ruggisce Tano il meccanico, “ho una società offshore di ombrelloni da spiaggia, lì!“, e scappa via, piangendo e giurando a se stesso di rinnegare per sempre le proprio radici calabresi. Meglio spacciarsi lombardo.

Ma lo sapete almeno che il Presidente della squadra ha mollato tutto e il motivo per cui lo ha realmente fatto?“.
Perché il calcio rovina l’ecosistema?“,  prova l’ambientalista Pozzi.
Ha lasciato il mondo del pallone perché ne aveva piene le palle?“, ride, e lo fa solo lui, il provetto comico Sciagura.
Ma in che senso ‘Locri’?”, chiede il vecchietto col bianchino a Mario il barista.
Negher!“, sbotta Pistozzi, pigiando il pugno sul bancone e facendo schizzare per aria quattro campari, un cappuccio e il bianchino del vecchietto da bar che, per il dolore, schiatta sul colpo, “la colpa è sempre e solo dei negher!“.

Subito dopo è il cataclisma: una squadra di cestiste dell’Alabama irrompe nel bar e comincia a giocare a basket usando Pistozzi come palla e la moka come canestro. Otto Von Bismarck sella il cavallo e punta la più grossa ma essendo lui un fantasma la attraversa soltanto e finisce zuppo nel Lambro. Mario sforna donuts per le giocatrici usando il cadavere del vecchietto come impasto, tanto l’americano per tradizione trangugia di tutto, Tarocco ne approfitta e s’improvvisa allibratore piazzando Pistozzi in vetro uno a cinque. Per darsi un tono il cartomante si accende dal fondo del locale una sigaretta.

E che si fotta Sirchia“, mugugna suggendo come se non vi fosse domani.

Tutt’attorno solo caos e distruzione.

Il geometra Zenone, nel frattempo, è arrivato tranquillo in fondo al quotidiano, nella sezione dei programmi televisivi.
Per fortuna stasera c’èQuattro matrimoni in Andorra’”, dice finendo di sorseggiare il suo caffè.

 

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->