sabato, Novembre 27

Sporcizia console da record, ecco la console da primato che non t’aspetti Gli utenti passano sempre più tempo di fronte alle console e agli schermi, pure durante i pasti, senza rendersi conto di quanta sporcizia ci sia all’interno di tali accessori elettronici

0

Nel corso degli ultimi mesi, la pandemia ha dominato la quotidianità e condizionato notevolmente anche i passatempi delle persone. Non a caso, il settore dei videogiochi è cresciuto in misura esponenziale, con un impiego sempre più costante ed esponenziale di console, ma anche di tanti giochi online e di piattaforme come quelle dei casinò online.

Gli utenti passano sempre più tempo di fronte alle console e agli schermi, pure durante i pasti. Non a caso, la ricerca che è stata svolta dal blog di ‘Betway’, ovvero L’insider, ha messo in evidenza come pure le console debbano confrontarsi con qualche problema legato all’igiene.

Ed è stato svelato il primato proprio in termini di sporcizia tra le varie console. Un aspetto che buona parte dei gamer non considera nemmeno e che, molto probabilmente, non ne ha la minima conoscenza. Insomma, di certo il primo pensiero non è quello di provvedere alla pulizia dei controller e della tastiera, senza rendersi conto di quanta sporcizia ci sia all’interno di tali accessori elettronici.

PlayStation vs Xbox: ecco chi è la console più sporca

Arrivano notizie non molto positive per quanto concerne i fan della PlayStation. Infatti, la console di nuova generazione che non ha rivali nelle vendite in tutto il mondo, custodisce anche un primato di cui non andare altrettanto fieri, ovvero il fatto che è la console più sporca. Solamente i computer nascondono tra i vari componenti un quantitativo di batteri maggiore.

La ricerca in questione ha portato a scoprire come sul campione di PlayStation siano state rilevate qualcosa come 72,5 colonie di batteri per ogni tampone. Un dato che, se a prima vista non può certo far riflettere, comparato rispetto a quello dei batteri presenti su una tavoletta del water, che sono circa la metà, porta un certo sgomento in effetti.

Quali sono i responsabili di tale débâcle della console di Sony in termini di igiene? Prima di tutto i joystick, soprattutto in riferimento ai pulsanti. Proprio in queste parti, il numero medio delle colonie di batteri si aggira intorno a 190. Anche in questo caso, c’è da sottolineare come nessun’altra piattaforma può contare su dei simili numeri. Nei casi in cui la pulizia non è proprio di casa, si può arrivare a toccare pure le 650 unità di colonie di batteri per ogni campione. Si tratta di un dato che è pari a oltre il doppio rispetto al quantitativo che è presente normalmente su un ripiano in cucina.

Al contrario, in questa sfida la spunta decisamente Xbox. La console di nuova generazione che è stata realizzata da Microsoft, infatti, è stata individuata come una delle maggiormente pulite. Infatti, la media di colonie di batteri è pari a 62,5 per ciascun tampone, anche se in ogni caso si tratta di numeri parecchio elevati, dato che sono più del doppio in confronto alla tavoletta del WC. Il problema principale riguarda anche in questo caso i grilletti dei controller, ma soprattutto i manici, su cui sono stati registrati numeri impressionanti, con ben 82,5 colonie di batteri per tampone effettuato.

Con i pc il livello di igiene cala ancora di più

Se le console vengono considerate sporche, i computer riescono a fare ancora peggio. Infatti, stando a quanto è stato riferito da parte dell’analisi di ‘Betway’, i pc sono decisamente più sporchi in confronto alle console, diventando una sorta di ricettacoli di batteri, visto che in media ci sono ben 165 colonie di batteri per ciascun tampone che è stato eseguito. Su mouse e tastiera, però, i dati sono ancora maggiori.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->