domenica, Maggio 16

Spice Girls? No, un remake femminista di "Wallabe" field_506ffbaa4a8d4

0

Nel video viene mostrato un rifacimento in chiave femminista della celebre hit degli anni ’90 “Wannabe” delle Spice Girls. Il remake è stato realizzato da artiste di diverse nazionalità per conto dell’organizzazione Project Everyone per sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti delle donne. L”hastag di accompagnamento -#whatireallyreallywant –  fa riferimento al mondo che “tutte le donne desiderano”: istruzione di qualità, stop alla violenza, uguaglianze economiche. Le immagini che scorrono rappresentano una carrellata attraverso zone disagiate del mondo (libertà di istruzione in un aula del mondo arabo, fine della violenza in una slum asiatica). Le vere Spice Girls si sono mostrate «onorate e orgogliose che il video sia stato utilizzato per questo scopo», condividendo la campagna promossa dall’organizzazione.

Il video ha l’intento dichiarato di sensibilizzare i membri delle Nazioni Unite che si riuniranno nel mese di settembre, mostrando l’importanza della diffusione capillare sulla rete e veicolando un discorso di genere su cui l’opinione pubblica si è talvolta mostrata scettica riguardo ai luoghi comuni portati avanti dalla retorica femminista. Quel che è certo, è che il brano delle Spice Girls, già simbolo degli anni ’90 della civiltà occidentale, continua a far parlare di sé anche a vent’anni dalla sua pubblicazione.

(video tratto da ‘ODN news’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->