lunedì, Maggio 10

Specials primi in classifica nei giorni degli scontri

0

Una canzone ska, quasi un inno, arriva al vertice della classifica dei dischi più venduti in Gran Bretagna l’11 luglio 1981, nel cuore di un periodo particolare.
Nel secondo fine settimana del luglio 1981, infatti, le notizie di gravi disordini a sfondo razziale in due tra le maggiori città inglesi oscurano per qualche giorno i mielosi reportages sulle nozze tra l’erede al trono d’Inghilterra Carlo e la principessa Diana. Dopo una guerriglia durata per tutta la notte gli elicotteri della Polizia che sorvolano i quartieri popolari di Liverpool e Manchester all’alba di sabato 11 luglio segnalano alla centrale che la partita non è ancora chiusa. In entrambe le città, i giovani immigrati, sostenuti da varie formazioni giovanili antirazziste, hanno deciso di reagire alle continue aggressioni e violenze dei fascisti del National Front, che avevano fatto della caccia allo straniero il passatempo preferito dei week-end. Nella notte, alla prima aggressione è scattata la risposta. L’intervento della Polizia, particolarmente violento, ha complicato ancora di più la situazione, che ben presto è sfuggita a qualunque controllo.
Mentre il fumo delle barricate incendiate si alza nel cielo illuminato dalle prime luci dell’alba, i programmi musicali delle radio diffondono le note di una canzone che per la prima volta è arrivata al vertice delle classifiche dei dischi più venduti in Gran Bretagna. Si tratta di Ghost town‘, un brano degli Specials che parla della vita, delle ingiustizie e delle contraddizioni sociali nelle grandi città industrializzate colpite dalla depressione economica, inserito anche nella colonna sonora di Dance craze‘, il film cult degli amanti dello ska.

Sembra quasi un fatto simbolico che proprio in quell’11 luglio di tensione il gruppo simbolo dello ska, multirazziale e impegnato da sempre sui temi sociali, conquisti la vetta del successo commerciale con un brano che appare premonitore.
Gli Specials non sono un gruppo qualunque. Detestati dagli impresari per la loro capacità di attirare guai, sono divenuti uno dei principali bersagli degli estremisti di destra, che tentano frequentemente di interrompere i loro concerti. D’altra parte la band, guidata dal tastierista Jerry Dammers, non si è mai limitata a comporre e a suonare musica, ma ha dedicato, fin dal primo momento della sua esistenza, un’attenzione nuova verso i problemi sociali, soprattutto quelli a sfondo razziale.
Per non rinunciare alla loro libertà gli Specials hanno fondato la casa discografica 2-Tone, divenuta in breve tempo un laboratorio dello ska, quella strana musica nata dalla mistura tra la secca essenzialità del punk e la ritmica armoniosa delle musiche giamaicane.
Nel lavoro di Dammers e dei suoi compagni affondano le radici anche gruppi come i Madness, i Beat, i Selecter, gli Swingin’ Cats e le Bodysnatchers, interamente femminile.
Per qualche tempo il movimento ska diviene così il simbolo di un rinnovamento musicale e di un impegno sociale diretto, innestato nei processi reali della società e lontano dalla visione disperata e nichilista del punk.

Con il successo commerciale di ‘Ghost town‘  gli Specials toccano l’apice della popolarità, ma iniziano a dare segni di stanchezza nei rapporti interni. Tra Dammers e gli altri membri del gruppo nascono tensioni destinate a provocare in breve tempo la dissoluzione della formazione storica.
Nell’autunno il cantante Terry Hall, il percussionista Neville Staples e il chitarrista Lynval Golding saranno i primi a lasciare i compagni per dare vita ai Fun Boy Three. Poche settimane dopo sarà il turno dell’altro chitarrista, Roddy ‘Radiation’ Byers che formerà, senza grande fortuna, i Tearjerkers, seguito a ruota da Horace ‘Gentleman’ Parker.
Il leader della band, Jerry Dammers, con nuovi musicisti, recuperata l’antica denominazione del gruppo, Specials Aka, diventerà uno dei protagonisti della scena musicale antifascista e antirazzista inglese.
Nel nuovo millennio si moltiplicheranno vari tentativi di riunione parziale della band.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->