mercoledì, Giugno 16

Spazio, la Cina sarà la prossima superpotenza? A giugno, fa sapere il governo di Pechino, comincerà la missione verso il 'lato oscuro' della Luna, dove nessuno è mai arrivato prima

0

La Cina punta sempre di più lo spazio. Il programma spaziale, nonostante un anno di alti e bassi, va avanti. A giugno, fa sapere il governo di Pechino, comincerà la missione verso il ‘lato oscuro’ della Luna, dove nessuno è mai arrivato prima.

Uno dei vantaggi di trovarsi su questo lato è che la Luna scherma i segnali radio provenienti dalla Terra e quindi si captano meglio le onde radio provenienti dal resto dell’universo. Ma Chang’e 4, la missione cinese, porterà anche dei semi e degli insetti, che serviranno a capire se piante e animali possono crescere sulla superficie lunare.

Purtroppo l’evento più importante dell’anno è stato il fallimento del secondo volo del ChangZheng-5 mentre la stazione spaziale cinese TianGong 1 è ormai prossima al rientro incontrollato in atmosfera, previsto attorno alla prima metà di marzo.

Il 19 gennaio scorso, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston, ha confermato che la Cina sarà la «vera novità, la grande sorpresa» dei prossimi anni nelle attività spaziali globali. «Per molti anni la Cina ha ricevuto una serie sonora di ‘No’ dagli Stati Uniti alla offerta di cooperazione spaziale sulla Iss, ora i cinesi ci vanno da soli nello spazio con la Tiangong 1 e 2, e dal 2024 in poi avranno la loro Stazione spaziale».

Insomma ora la Cina fa sul serio e punta allo spazio. Che sia vicino il sorpasso a Russia, Usa ed Europa?

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->