martedì, ottobre 23

Spazio: l’ astronauta Paolo Nespoli ammira l’ aurora Ecco le immagini ricevute dalla Stazione Spaziale Internazionale

0

L’astronauta italiano Paolo Nespoli ha condiviso un timelapse risalente al 5 dicembre che riprende un’ aurora dalla Stazione Spaziale Internazionale. Si ricordi che Nespoli sta lavorando a bordo della stazione quale membro della missione VITA dell’Agenzia spaziale italiana. Tra pochi giorni dovrebbe avvenire il suo ritorno a Terra.

La missione Vita è iniziata per lui il  28 luglio 2017. 11 erano gli esperiementi previsti per l’ astronauta italiano. Più del 70% è stato completato. Tra questi, Perseo, una speciale giacca piena di acqua capace di proteggere gli astronauti dai raggi cosmici oppure i quattro esperimenti di fisiologia umana (Corm, Nanoros, SerismMyogravity) o l’esperimento Arte teso a verificare l’efficienza dei sistemi di scambio termico a bordo della Stazione. Portato a termine anche l’ ISSpresso, l’ esperimento basato sulla macchina per il caffè ‘spaziale’ .

Lo scorso 4 dicembre Paolo Nespoli ha compiuto la quinta e ultima sessione sperimentale del progetto IN SITU Bioanalysis. Il progetto aveva  come obiettivo lo sviluppo di un semplice biosensore portatile per l’analisi in tempo reale di campioni di saliva a scopo diagnostico. Nespoli ha utilizzato questo biosensore per controllare in modo istantaneo il proprio livello di stress misurando i livelli salivari di cortisolo.

Al suo terzo soggiorno sulla Stazione Spaziale, Paolo Nespoli ha al suo attivo quasi 300 giorni trascorsi fuori dall’atmosfera terrestre. Questo lo rende l’astronauta italiano con più esperienza extraterrestre.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore