sabato, Novembre 27

Spazio: in arrivo il razzo Ariane 6 Il lancio sarebbe previsto per il 2020

0

Nel cantiere dell’Agenzia Spaziale Europea nella Guiana francese, 500 persone starebbero lavorando alla costruzione di una nuova rampa di lancio. I lavori dovrebbero terminare entro luglio 2020, quando sarebbe previsto il lancio del razzo Ariane 6.

In questa fase, i tecnici starebbero realizzando il pozzo di cemento armato che dovrebbe poi trovarsi al di sotto del razzo. Questo, però, sarebbe il primo caso in cui il razzo dell’ agenzia spaziale europea sarà costruito orizzontalmente invece che verticalmente, permettendo di ridurre notevolmente i costi. Una volta costruito, il razzo sarà posto verticalmente.

Potrebbe essere una risposta alla concorrenza che si è fatta via via più spietata, soprattutto dopo l’ esordio di SpaceX di Elon Musk sostenuta dalla Nasa. Per il suo assemblamento, verranno impiegate alcuni elementi di dell’ Ariane 5: uno di questi è il motore Vulcain. Un’ altra delle caratteristiche di Ariane 6 risiede nella sua parte superiore che potrà essere riavviata consentendo di inviare più satelliti in orbite diverse. Infine il nuovo booster P120 a propellente solido, ancora in fase di test.

All’ impegno dell’ Agenzia Spaziale Europea, Airbus Group e Safran hanno annunciato un’ alleanza nel settore dei lanciatori spaziali, chiamata Airbus Safran Launchers, che dovrebbe partire il gennaio prossimo.

(Video tratto dal canale Youtube euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->