domenica, Giugno 20

Spazio: è partita Insight L' arrivo è previsto per novembre e la missione dovrebbe durare due anni

0

Il lancio è avvenuto questo sabato alle 13.05 (ora italiana) dalla Vandenberg Air Force Base, in California, InSight, la nuova missione della NASA, che ha come obiettivo principale l’esplorazione del sottosuolo di Marte, ma anche il miglioramento delle comunicazioni tra il pianeta rosso e la Terra. A quattro anni e mezzo dal lancio dell’ultima sonda, la MAVEN del novembre 2013, la NASA ci riprova con il Pianeta Rosso. Con analisi sismologiche, verranno analizzate in particolare la stratificazione delle rocce e il calore interno di Marte per cercare di capire se il nucleo del pianeta è ancora fuso. La sonda è alimentata da pannelli fotovoltaici e il suo atterraggio dovrebbe avvenire all’ altezza dell’equatore del pianeta. La missione dovrebbe durare due anni. 

La navetta spaziale InSight dovrebbe atterrare sul pianeta rosso entro fine novembre.Il prossimo novembre è previsto l’arrivo su Marte, con la discesa di un modulo di atterraggio, fisso, che sarà una vera e propria stazione per lo studio del sottosuolo del pianeta. La sonda inizierà subito il suo lavoro con l’estensione, ad esempio, dei pannelli solari. Primi fra tutti, inizieranno a lavorare gli strumenti che dovranno registrare i terremoti marziani e i flussi termici nel sottosuolo fino a 5 metri di profondità. 

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->