mercoledì, Agosto 4

Spagna: repressione dello Stato spagnolo contro gli intellettuali catalani Mentre con una mano annuncia la grazia, con l'altra lo Stato spagnolo perseguita ex alti funzionari della Generalitat

0

Per oggi, 21 giugno, è annunciata la pubblicazione del rapporto del Consiglio d’Europa che condanna la Spagna per la strumentalizzazione della giustizia contro i politici dissidenti, leader catalani che hanno trascorso quasi quattro anni in carcere. Sempre per oggi il Presidente spagnolo Pedro Sánchez ha contro-programmato la notizia di una esibizione di magnanimità: un’apparizione, davanti a un pubblico selezionato, al Gran Teatro del Liceo di Barcellona, per annunciare in pompa magna l’imminente perdono dei prigionieri politici catalani.
È una magnanimità perversa: tutte le istituzioni internazionali e le corti europee che hanno analizzato il caso, sanno che il processo ai vertici catalani è stato una farsa piena di irregolarità, che i giudici della Corte Suprema hanno violato i diritti fondamentali degli imputati e che la Corte dei Diritti dell’Uomo si pronuncerà sulla nullità della sentenza. Se la magnanimità consiste nel perdonare i colpevoli, chi dovrebbe richiederla è lo Stato spagnolo per aver giudicato un conflitto politico e la Corte suprema per prevaricazione.

Il gesto di Sánchez non inganna milioni di catalani. Tuttavia, in Europa si potrebbe pensare che il conflitto tra Catalogna e Spagna stia per essere incanalato attraverso il dialogo politico.Niente di più lontano dalla realtà: la repressione contro i catalani non solo non si è fermata, ma sta aumentando.

Questa settimana, la Corte dei conti spagnola ha notificato, a trenta nuovi alti funzionari dei governi della Catalogna degli anni 2011-2017,un’imminente sanzione finanziaria milionaria per presunta appropriazione indebita di fondi. Secondo l’accusa, il denaro impiegato nell’azione estera del governo sarebbe stato destinato alla preparazione del referendum di autodeterminazione. A riprova di ciò, viene addotta una risposta dell’allora presidente, Artur Mas, alle domande di un giornalista: «Se lo Stato spagnolo non ascolterà le richieste della Catalogna, ci sarà un problema di relazione tra i due governi» – frase che si diceva in uno dei molteplici viaggi di promozione economica della Catalogna per rilanciare le esportazioni. A proposito, quei viaggi furono decisivi, poiché in Spagna furono promossi i boicottaggi dei prodotti catalani e l’aumento delle esportazioni salvò molte aziende. Secondo la Corte, tali dichiarazioni dimostrano l’appropriazione indebita di fondi pubblici per il perseguimento di scopi incostituzionali.

Tra i responsabili individuati dalla Corte dei conti, c’è il prestigioso economista Andreu Mas Colell, che era stato professore ad Harvard, Presidente della Econometric Society y Foreign Honorary Member of American Economic Association. Nel 1995 ha lasciato la sua carriera accademica di successo per costruire, su commissione del Presidente Jordi Pujol, un’università pubblica di eccellenza a Barcellona. Nel 2000 è entrato nel governo della Catalogna come Ministro dell’Università, della Ricerca e della Società della Conoscenza. Ha lasciato il governo nel gennaio 2016, quando Carles Puigdemont ha prestato giuramento come Presidente. Come studioso professionale, il professor Mas-Colell ha continuato a venire nelle università per presentare libri, tenere conferenze e dibattere con i suoi colleghi.
Mas Colell ha 77 anni, è in pensione, non ha avuto niente a che fare con il referendum del 2017. La Corte dei Conti sta per sequestrare i suoi beni, conti correnti, pensione, la sua casa. Cosa vuole la Corte dei Conti? Cosa ha proposto lo Stato spagnolo? Impedire a tutti gli intellettuali e le menti brillanti della Catalogna di mettersi al servizio del proprio Paese? È questo il suo progetto per sedurre i catalani?

Gelosi dell’integrità della Spagna, gli alti funzionari pubblici spagnoli hanno scatenato tutta la loro rabbia e il loro rancore contro il popolo, le istituzioni e gli eroi della Catalogna. E parlano di dialogo. Fottiti!

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Docente della Universitat de Vic, Departament d'Economia i Empresa

End Comment -->