venerdì, Ottobre 29

Spagna: proteste in piazza contro una condanna lieve per stupro Molte donne hanno manifestato contro questa sentenza

0

I cinque uomini del branco che nel giugno del 2016 violentarono una diciottenne a Pamplona, potrebbero essere fuori dal carcere già nei prossimi sei mesi: è contro questa possibilità che sabato sono scese in piazza in tutta la Spagna centinaia di ragazze e di donne. A scatenare questa reazione in tutto il Paese, una sentenza (la cui lettura è stata trasmessa in diretta tv) giudicata troppo lieve.  Infatti i giudici del tribunale lo hanno considerato soltanto “un abuso”; quindi, i colpevoli, i cinque del branco (tutti di Siviglia) fra cui anche un poliziotto e un militare, che si erano difesi affermando che la ragazza era consenziente, sono stati condannati a nove anni, ma hanno ottenuto l’ assoluzione dall’accusa della violenza sessuale, per la quale era stata chiesta una condanna a vent’anni. 

Il branco di colpevoli avvicinò la ragazza dopo le due del mattino nel corso della festa di San Firmino a Pamplona: invece di accompagnarla alla sua auto, la violentarono nell’ androne di un palazzo, filmando la scena. Soccorsa dalla polizia, la ragazza era riuscita a far arrestare i violentatori nel giro di poche ore. Una vicenda dolorosa che aveva suscitato l’ indignazione di molti spagnoli quando uno dei giudici aveva votato a favore dell’assoluzione totale del branco. Siccome, in Spagna, la legge pone su piani diversi lo stupro e l’ abuso sessuale che non considera la minaccia o la violenza, i cinque potrebbero essere fuori di prigione già nei prossimi sei mesi perché a quel momento, essendo agli arresti dal 2016, avranno già scontato una parte della pena. 

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->