sabato, Dicembre 4

Spagna: processione della Semana Santa

0

Quelle che vediamo in questo video sono le inquietanti, figure incappucciate, che camminano per le strade di città e villaggi della Spagna durante l’ultima settimana di Quaresima.

Questi penitenti, nelle loro vesti bianche e cappe pesanti, non erano diversi da quelle dei loro antenati che in origine hanno preso parte alla commemorazione annuale della Passione di Gesù Cristo, una settimana di celebrazione affascinante in tutto il paese. In Zamora, nella regione di Castiglia e Leon, penitenti di ‘Cristo de la Buena Muerte’ o fratellanza ‘Good Cristo Morto’ portano una figura di Gesù Cristo, prendendo parte a un inquietante notte di processione e penitenza in vista della Pasqua.

Durante tale rappresentazione molto toccante emotivamente, penitenti di diversi confraternite religiose partecipano alle processioni, portando effigi a grandezza naturale di Gesù Cristo e della Vergine Maria, attraverso strade di ciottoli della città, accompagnati da spettacolari percussioni dei tamburi e musica triste.

Conosciuta anche come la Semana Santa, durante le celebrazioni di una settimana, i partecipanti indossano abiti e cappe coniche , visto che è tradizione mantenere il loro anonimato, durante le loro indimenticabili e bellissime processioni di penitenza. La città più visitata però durante la celebrazione cattolica è Siviglia, in Andalusia, Zamora, nella parte nord-ovest del paese che è anche nota per le sue 16 confraternite religiose e confraternite in processione per le strade della città.

Nel 1986, la Settimana Santa di Zamora è stata dichiarata di interesse turistico della Spagna e visitatori continuano a scendere in città a Pasqua, in particolare per le sue strade, per vedere le processioni in programma. Le confraternite impegnano le strade della città dalla mattina presto fino a tarda notte con le loro particolari processioni.

(tratto dal quotidiano ‘Daily Mail’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->