sabato, Maggio 15

Spagna: Fernández Díaz e l’‘Inteligencia spagnola’ Lo Stato spagnolo ha trascorso anni a spiare i leader catalani attraverso i loro telefoni cellulari. Ma il servizio di intelligence spagnolo sembra uno scherzo

0

Questa settimana, il quotidiano spagnolo ‘El País’ e il quotidiano britannico ‘The Guardian’ hanno rivelato che oltre un centinaio di attivisti catalani e politici indipendenti sono stati spiati illegalmente dai servizi di intelligence.
Il Presidente del Parlamento catalano, Roger Torrent, e il rappresentante di Esquerra Republicana, Ernest Maragall, erano tra gli spiati.
Ma la cosa viene da lontano: già nel 2017, il quotidiano ‘Público’ aveva rivelato le prove documentali che confermano che il vicedirettore delle operazioni della Polizia nazionale, Eugenio Pino, aveva acquistato illegalmente, con fondi riservati, gli strumenti per le agenzie di intelligence della Polizia per registrare le chiamate vocali e di testo. Era un sistema sofisticato sviluppato da una società israeliana, nota come Pegasus.

La vicenda è iniziata nel 2014, quando il Ministro degli Interni spagnolo, Jorge Fernández Díaz, ha dato istruzioni di spiare i politici sovranisti catalani. L’‘Operazione Catalogna’ della brigata politica del commissario José Manuel Villarejo, iniziò a frenare il crescente indipendentismo di centinaia di migliaia di catalani stanchi del centralismo e della corruzione dello Stato spagnolo e della sua monarchia.

Penso che sia opportuno ricordare alcune curiosità dell’ex Ministro, Don Jorge Fernández Díaz.

Figlio di un militare falangista, Don Jorge è entrato in politica alla giovane età di 28 anni. Dicono che da giovane fosse un ‘animale’ da festa di alto livello, e che nel 1991 subì una fervente conversione al cattolicesimo più appassionato. Ciò è verificabile, poiché è un membro permanente dell’Opus Dei. Come Gobernador Civil de Barcelona (1981-1982) deve aver scoperto la sua vocazione a sculacciare comunisti,separatisti e libertari. È stato Ministro degli Interni del Governo spagnolo tra il 2011 e il 2016, e durante questo periodo, oltre a organizzare l’Operazione ‘Catalogna’, ha assegnato decorazioni di polizia a varie sante madri di Dio. In un programma radiofonico ha detto che ha usato un angelo custode di nome Marcelo, che era il suo assistente sia quando prendeva le decisioni ministeriali, sia quando cercava di trovare un posto per parcheggiare l’auto.
Cacciatore cacciato,
qualcuno lo ha registrato in una conversazione in cui cospirava con il suo assistente Daniel de Alfonso, riconoscendo che non stavano trovando prove conclusive contro i separatisti; ma che questo non era un problema, ‘l’accusa avrebbe messo a punto’, alludendo alla prodigiosa capacità dell’accusa di inventare prove false. Si sono persino vantati, in quella conversazione, di aver distrutto il sistema sanitario catalano (voglio pensare che si riferissero al suo prestigio).

Di recente, Don Jorge Fernández Díaz ha pubblicato il video del suo incontro con Papa Emerito Benedetto XVI. Ha chiesto, dice, a Papa Ratzinger di pregare per la Spagna, minacciata dal separatismo catalano. Secondo lui, il Papa avrebbe risposto che il Diavolo voleva distruggere la Spagna

Come capì Don Fernández, il Maligno conosceva il brillante ruolo della Spagna come evangelizzatore di civiltà; sapeva dell’eroismo dell’Inquisizione che bruciava gli eretici e non sapeva che la Spagna di Franco era stata la sentinella dell’Occidente contro il comunismo; il Maligno si sarebbe innescato in Spagna per combattere contro la Chiesa di Cristo e avrebbe usato i separatisti catalani per i loro scopi infernali. Ma il Papa ha rassicurato l’ex Ministro: la Spagna avrebbe sconfitto il diavolo sulla base della preghiera, dell’umiltà, della sofferenza e della devozione alla Beata Vergine. Ricette che Don Jorge Fernández Díaz interpretava come un alibi per spiare i politici, inventare false prove, tentare di distruggere il sistema sanitario catalano e calunniare i sovrani.

Non vi è alcuna notizia che il Papa abbia suggerito al Partito popolare di mobilitare tutte le forze delle forze di sicurezza per cercare di evitare il referendum all’autodeterminazione, picchiando gli elettori e imprigionando i leader catalani. Ma il Ministro deve aver interpretato che se si trattava di combattere contro Satana, non era necessario fermarsi alle minuzie: piccoli scogli sul mare.

In qualsiasi democrazia normale, in un caso di spionaggio politico perpetrato dallo Stato, si sarebbero attivate commissioni d’inchiesta e vi sarebbero state dimissioni ai vertici. Ma la Spagna è diversa: la truffa dello spionaggio è una cosa del Centro Nacional de Inteligencia e dei suoi funzionari multipli, oscuri e inviolabili; e per inteligencia, la dichiarazione di don Jorge Fernández Díaz e il suo divino assistente personale, non meno dell’angelo Marcelo. “Con la Iglesia hemos topado“, avrebbe detto Don Chisciotte di fronte a questo panorama. Per poi scoppiare a ridere. O piangere, sapendo che alcune delle vittime delle sue macchinazioni sono in prigione da 1000 giorni.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Docente della Universitat de Vic, Departament d'Economia i Empresa

End Comment -->