lunedì, Novembre 29

Spagna: ad Alovera la spiaggia più grande d’Europa Si parla di un investimento di 15,6 milioni di euro per uno specchio d'acqua, con relative spiagge, di 25.000 metri quadrati

0

La Spagna si prepara a costruire uno dei bacini artificiali più grandi d’Europa. L’impresa di costruzioni Rayet, presieduto da Félix Abánades, partirà con i lavori ad Alovera. Si parla di un investimento di 15,6 milioni di euro per uno specchio d’acqua, con relative spiagge, di 25.000 metri quadrati.

Come spiegato da Félix Abánades, il progetto, chiamato Spiaggia Alovera, è legato alla costruzione di circa 4.000 unità abitative nel comune, sui terreni adiacenti lo specchio d’acqua, con quasi il 30% che sarà di proprietà della Rayet, che sta pensando di cedere quelle terre alla Quabit, che permetterà di costruire una parte di quelle case (circa 1.200, come spiegato, con un investimento di 280 milioni di euro) con vista sulla spiaggia artificiale.

Le abitazioni saranno costruite più o meno in contemporanea con la spiaggia e cominceranno a essere consegnate quando tutto sarà completato ad Alovera. A fine progetto, gli abitanti dovrebbero passare da 12 mila a 30 mila.

Il beach resort, che comprende anche una zona a parco, spazio per sport acquatici, scuola di vela e un ampio ristorante con una capacità di 1000 persone, si trova su di un lotto comunale di 104 mila mq, attualmente utilizzati per la depurazione delle acque del comune e per lo smaltimento di macerie e i proprietari del complesso dovranno pagare una quota annuale per la concessione di 40 anni. Il Consiglio comunale ha già dato la luce verde per il progetto ad Alovera, ma l’iter burocratico andrà avanti almeno per un anno.

«Il progetto Spiaggia Alovera è sostenibile, di per sé, ma è destinato a sostenere il progetto immobiliare, dato che l’installazione rivaluta i terreni e può essere un importante fattore di attrazione per prendere la decisione di acquistare una casa nella città», ha detto Abánades.

(video tratto dal canale Youtube di El Pais)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->