martedì, Aprile 13

SpaceX, alle 15.17 il via ad un nuovo progetto ambizioso La missione prevede di realizzare la rete satellitare Starlink con lo scopo di distribuire internet in tutto il mondo, con connettività wireless. Qui la diretta video

0

Elon Musk ci riprova. Dopo l’invio riuscito del Falcon Heavy, questa volta è pronto il lancio da parte di SpaceX di due satelliti: sono i primi di una missione ambiziosa che prevede di realizzare la rete satellitare Starlink con lo scopo di distribuire internet in tutto il mondo, ultraveloce e senza ritardi, con una connettività wireless a banda larga e potenzialmente accessibile a tutti.

Il progetto di SpaceX comprende l’invio di oltre 12mila satelliti per avere una rete virtualmente garantita anche a chi vive in zone remote, in cui non è attualmente possibile connettersi. In questo primo test, con il lancio del Falcon 9 dalla base aerea di Vanderberg Air Force Base (California, ore 15.17 italiane), verranno spediti due piccoli satelliti, chiamati Microsat-1 e Microsat-2, insieme al satellite osservazionale Paz, finanziato dal ministero della Difesa spagnolo. L’obiettivo è quello di verificare che Paz catturi una dettagliata rappresentazione radar delle immagini terrestri, durante la sua missione, che durerà circa cinque anni e mezzo.

Un progetto rivoluzionario, ma già contestato. Due senatori della Federal Communications Commission, come riporta il ‘Washington Post‘, hanno sollevato la questione dei detriti spaziali, sostenendo che se si abbassa la quota dei satelliti aumenta anche la spazzatura spaziale, col rischio di maggiori collisioni e danni ad altre operazioni spaziali. Ceto è che SpaceX, perché OneWeb ha un piano simile che inizierà nel 2019…

(video tratto dal canale Youtube di SPACE & UNIVERSE)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->