lunedì, Agosto 2

Sogni e bisogni, incubi e risvegli field_506ffbaa4a8d4

0

Tra sogni che si risolvono in incubi e bisogni ineludibili con annesse delusioni ai risvegli, lo strapaese delle meraviglie, ed i tanti strapaesi delle meraviglie nel mondo, continuano la loro corsa verso chissacché. Sogni, bisogni, incubi, risvegli, muore Prince nel mistero, molti campano ed il perché è un ancor più grande mistero, sul filo tra vita e morte politica sta il povero Guido Bertolaso quasicandidato alla guida della Capitale, epigono dell’eroe di Francesco Berni e come quello «il prode cavallier non se n’era accorto, andava combatteva, ed era morto». E chissà se in questo caso il ‘cavallier’ sia Bertolaso o l’ex Cavaliere Silvio Berlusconi. Riappare Fidel, volteggia Francesco vestito di bianco, ma a Roma almeno per un po’ la principale esperienza trascendentale e religiosa è quella dei fedeli del Francesco giallorosso, con l’’illuminazione che ‘Dio c’è ed è Totti’, intanto arriva pure Beppe Grillo vedovo Casaleggio che riprende ad attaccare i dissenzienti interni con un non bellissimo e demonizzante «Ricorso degli esclusi? Gente sporca dentro».

Il sogno della destra si è realizzato dopo che è stato beccato nei ‘Panama Papers’ anche Rodolfo De Benedetti, figlio e continuatore del capostipite Carlo, che comunque assicura «La società è stata chiusa da molti anni. In passato McIntyre si era occupata di investimenti finanziari nel continente americano gestendo antichi risparmi di famiglia». Allora… In ogni caso è il settimanale di loro proprietà, ‘l’Espresso’, che ne rivela l’identità e comunque in quelle carte oltre a tutti gli altri e le altre c’è dentro anche Jessica Rizzo, con il suo vero nome di Eugenia Valentini. E qualcosa vorrà pur dire. Tempi duri per la classe dirigente: «I politici non hanno smesso di rubare, hanno smesso di vergognarsi» confida al Corriere della SeraPiercamillo Davigo nuovo presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati e già a suo tempo tostissima colonna della ‘Mani pulite’ del 1992. Apparentemente era il più low profile del gruppo rispetto a ben più esuberanti colleghi, ad almeno uno dei quali dedica l’evidente frecciata che «i magistrati sovente sono pessimi politici». Appena arrivato alla guida dei ‘giudici’ ha fatto capire di che pasta sia fatto e come intende muoversi. Ne vedremo delle belle.

Impazzano Daniela Santanché ed Alessandro Sallusti, legati o meno che restino, Luigi Bisignani pure continua ad impazzare, ed a far impazzire i timorosi, con le sue strabordanti pararivelazioni e parateorie sull’universo mondo che lasciano sempre l’impressione che dietro ci sia chissà cos’altro. Spesso niente. Dopo l’ultimo respingimento di una mozione di sfiducia al Governo, anche con il proprio contributo, Denis Verdini via Minzolini assicura che sul versante giudiziario «lo stesso Renzi ha capito che prima o poi toccherà a lui. Il suo discorso in Senato dimostra che in due mesi abbiamo costretto il Pd a un cambiamento antropologico». Confermando quanto, meno amichevolmente, dentro e fuori dallo stesso partito del Presidente del Consiglio molti sostengono da tempo. E la nave continua ad andare, tra sogni e bisogni, incubi e risvegli in questo disgraziato Paese in cui sempre più «non c’è nessuno, tranne noi mostri».

 

E, dunque, in questo Aprile 2016

da Lunedì 18 a Venerdì 22

Lunedì 18

Martedì 19

Respinta l’ennesima Mozione di sfiducia al Governo Renzi.

Mercoledì 20

Giovedì 21

Morto Prince, non si sa ben di che…

Venerdì 22

E poi

Sabato 23 e Domenica 24

Sabato. Poi Domenica. Come sempre.

 

E la prossima settimana

da Lunedì 25 Aprile a Domenica 1 Maggio

Arrivano il 25 Aprile e il I° Maggio, magari per qualcuno significano ancora qualcosa…

 

Continua e corre dunque questo Aprile 2016, che purtroppo o per fortuna non tornerà mai più. Intanto viviamo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->